Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Emanuele Rizzi

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Deyo
    replied
    Originalmente inviato da tratto Visualizza messaggio
    non puoi allegare excel
    Si che pu˛, basta zipparlo.

    Leave a comment:


  • Guest's Avatar
    Guest replied
    Originalmente inviato da EmaRizzi Visualizza messaggio
    Grazie per le Vs. risposte.

    Entro domenica sera nella Discussione Prezzi e Stampe per plotter , inserir˛ due schemi semplificati allegando un file di excel.


    Buona serata

    Emanuele
    non puoi allegare excel

    Leave a comment:


  • maybe
    replied
    Ti aspettiamo con fiducia

    Leave a comment:


  • EmaRizzi
    replied
    Schema Costi

    Grazie per le Vs. risposte.

    Entro domenica sera nella Discussione Prezzi e Stampe per plotter , inserir˛ due schemi semplificati allegando un file di excel.


    Buona serata

    Emanuele

    Leave a comment:


  • creativastampa
    replied
    Originalmente inviato da EmaRizzi Visualizza messaggio
    Vi interessa uno schema per la individuazione, definizione e gestione dei costi di struttura e di produzione ?
    Certo che sý!

    Leave a comment:


  • Gazapictures
    replied
    ciao Ema, si mi interessa, e ti chiedo se puoi farci uno schema diviso almeno in due, micro impresa ( entita' unica ) e impresa con dipendenti o collaboratori esterni.

    se puoi comincia con la prima. cordiali saluti

    Leave a comment:


  • maybe
    replied
    ovviamente Ŕ una cosa interessantissima

    Leave a comment:


  • EmaRizzi
    replied
    Comunicare e confrontarsi

    Ciao a tutti,

    Non sono un frequentarore di forum e e non conosco le consuetudini di questo spazio comunicativo ma cerco di seguire due regole semplici : partecipare e rispettare . Vi chiedo di porre ulteriori argomenti nella discussione Prezzi Stampe per plotter perchŔ vorrei davvero fare un percorso con voi su cose pratiche.

    Abbiamo diviso per comoditÓ il mondo in due modelli

    Il convertitore e direi l'artigiano tecnologico.

    Mi piacerebbe con Voi sviluppare quest'ultimo modello aziendale perchŔ siete a tutti gli effetti aziende con tanto di bilancio ed oggi come non mai se non si ha il controllo nel dettaglio della propria attivitÓ si Ŕ ancora pi¨ a rischio.

    Riempiamo questa discussione di piccole cose pratiche.

    Vi interessa uno schema per la individuazione, definizione e gestione dei costi di struttura e di produzione ?

    Fatemi sapere

    Buon lavoro

    Emanuele

    Leave a comment:


  • creativastampa
    replied
    Io mi trovo daccordo con quanto detto da Gio...

    Riprendo il discorso perchŔ, se siamo convinti che un buon artigiano sia prima un buon imprenditore allora c'Ŕ una necessitÓ d'intervento fondamentale!

    Vedo ancora in giro (o forse mi sbaglio?) tanta approssimazione, prezzi fatti sulla scia dell'entusiasmo, ad occhio e croce, con troppe energie sprecate per contrastare chi non fa il nostro stesso lavoro...

    Da una gestione pi¨ consapevole, condivisa ed attenta ne possono guadagnare tutti, facendo comunque rimanere le prerogative dell'artigiano tecnologico il punto di forza.

    Chi ha partecipato al seminario di Mario Picchio al visual "Il cliente compra ci˛ che ama" credo che non sia rimasto indifferente.

    Ci siamo riportati a casa delle carte color rosso, ci siamo presi (con noi stessi) un impegno di fare quella "verifica"... e poi? sono rimaste un bel souvenir?

    Non credo che, sia per chi l'ha preparato che per chi c'ha partecipato, il tutto deve essere catalogato come una "pietra nello stagno"... come cose che si dicono... ma poi... nella realtÓ conta lavorare... lavorare... lavorare...

    A volte ci si nasconde dietro scusanti che ogni attivitÓ ha molteplici fattori diversi dalle altre... ma forse alla fine Ŕ come dice Gio: rifiutiamo briglie e "non vogliamo accomunanze ne paritÓ, e la diversificazione nel gestirci Ŕ sentita come una forma di autodifesa..."

    La mia Ŕ una esortazione... bene il forum delle richieste di font... ma viva anche il forum di metodo e della famosa "soglia del rispetto della tua azienda"...

    Se ora Ŕ il momento della crisi allora Ŕ anche il momento di ragionare e di riorganizzarsi da questi punti di vista...

    Vincenzo

    Leave a comment:


  • aquilareale1
    replied
    Scusami...

    lungi da me il pensare di addossarti qualsivoglia colpa...
    solo adesso mi sono reso conto che la tua risposta Ŕ in tema con quanto Ŕ trapelato dal mio esposto... (probabilmente mal esposto) ma credimi le mie intenzioni erano e sono solo di esortare in qualche modo il riprendere il tema... che ci fossero delle domande fatte, magari io per primo potevo e lo far˛...., a cui le risposte non sarebbero mancate e ne sono certo...
    visto che l'esortazione di EmaRizzi nel suo ultimo post era ed Ŕ teso in questa direzione.... quindi rinnovo le scuse se il mio scritto ha dato modo di essere interpretato in tal senso..
    Ripeto cercavo esortazioni a fare domande ed Ŕ pur vero che potevo iniziare io...
    Un sol pensiero va al regolamento che esorta a non esporre prezzari e a non plubblicizzare in modo univoco ed eloquente qualsiasi prodotto o marchio.
    Credo che si possa dialogare con esempi pratici di valutazioni costo materiali e tempi dedicati.
    ovviamente so che diventando specializzati in un settore i tempi possono diminuire fermo restanti i costi materiali.
    comunque si dovrebbero raggiungere delle soglie da cui non sarÓ possibile scendere al di sotto -ovviamente parlo dei soli costi materiali di utilizzo in cui fanno parte ammortamento macchine, fitto, energie elettriche e quant'altro contribuisce al totale ammontare di spese fisse mensili- potendo dividere il tutto per i giorni lavorativi - Ŕ elementare- si avrÓ un tot spese fisse giornaliero, per cui si giungerÓ a un costo orario dell'attivitÓ.
    mi fermo quý... perchŔ non vorrei essere ne prolisso ne fuori tema.... ma proprio in virt¨ di tanto esposto anche in modo non lineare, mi aspetto risposte dal Forum... fosse solo per sentirmi dire che ho ragionato in modo superfluo e che ho scoperto l'acqua calda... comunque se ne parlerÓ e si costruiranno delle basi di partenza....
    Gio.

    Leave a comment:


  • giovannire
    replied
    Datemi tempo

    Ciao Gio,
    credo che in questo momento bisogna essere flessibili. Voi, assidui frequentatori di questo e di altri forum siete entrati nel meccanismo.
    Quante persone conoscete che sanno a malappena accendere un computer.
    Non dico che Emanuele non conosce questo modo di comunicare. Credo che non si sia semplicemente adeguato. Non credo sia semplice per tutti.

    Per fare un esempio la signora Hunt mi ha detto pi¨ di una volta che non riesce a scrivere un messaggio. Questo non significa che non vuole comunicare con voi. Non riesce. Ha bisogno di tempo per assimilare questo nuovo linguaggio.

    Mia figlia chatta simultaneamente con otto amiche, guarda la TV ed ascolta l'Ipod e nel mentre fa i compiti.

    A scuola va bene, frequenta le amiche ed ha una vita sociale normalissima.

    Io non riuscirei mai e poi mai a starle appresso.
    Fra un anno o due forse chatter˛ simultaneamente con 20 di voi, mentre mi vedo un bel film con i piedi a mollo in una splendida piscina....

    ...fra qualche anno... datemi il tempo!

    Leave a comment:


  • aquilareale1
    replied
    Un post fermo da tempo....

    Una possibilitÓ data (quella del dialogo) arenata o in fase di varaggio...
    Si Ŕ tanto parlato e alla fine la possibilitÓ offerta dal Re con la piena disponibilitÓ di EmaRizzi, a me pare non ha prosieguo..
    PerchŔ mi domando..
    forse che la condivisione la si sente solo per scambi di esperienze e di dati utili a realizzare lavori.
    Possibile che una attenta analisi di software gestionali, di CRM e di sistemi di preventivazione con nuove metodologie di valutazioni e costi non possa ritornarci utile.
    Le belle parole, quali accomunanza e condivisione, ben distribuite in questo forum restano tali, solo belle parole.
    All'atto pratico non si ha volontÓ di condividere effettivamente i veri problemi comuni a tutti e che nel contempo ci dividono..
    PerchŔ sentiamo che almeno in questo siamo diversi... non vogliamo accomunanze ne paritÓ, e la diversificazione nel gestirci Ŕ sentita come una forma di autodifesa... quasi come quando si fa fatica ad ammettere di non saper fare.
    Ú un discorso che con calma e disponibilitÓ di tempo varrebbe la pena di ampliare.
    Le conclusioni finali e personali resteranno tali anche dopo l'eventuale diaologo, anzi a maggior ragione avremo di pi¨ padronanza, potendo riflettere se si puo migliorare o restare tali e quali.

    Ps. questo Ŕ ovviamente un mio pensiero....
    un detto popolare dalle nostre parti recita cosý: manco l'orefice (con negozio fisso)voleva vicino un semplice ripara marmittoni in rame, (ambulante di strada).
    Gio

    Leave a comment:


  • EmaRizzi
    replied
    Argomenti concreti sono benvenuti

    Originalmente inviato da ajographic Visualizza messaggio
    Ecco finalmente un argomento utile (speriamo non finisca nel solito dimenticatoio per˛! ogni riferimento Ŕ puramente casuale...Gi˛! grrrrrrrr!)

    Il mio benvenuto a te che sarai cosý gentile da spiegarci passo passo come scegliere i materiali giusti ai prezzi giusti e poter cosý realizzare lavori al prezzo giusto.....

    E' "giusto" ci˛ che ho scritto???

    aj˛˛˛˛˛˛˛˛˛˛˛˛˛
    Ciao.

    Ti ringrazio per l'interesse, come ho giÓ scritto sono qui per confrontarmi con voi e dare nel mio piccolo un contributo.

    Se hai delle necessitÓ concrete scrivimi e ti risponder˛.

    Emanuele

    Leave a comment:


  • ajographic
    replied
    Benvenuto!

    Originalmente inviato da giovannire Visualizza messaggio
    .......
    L'analisi dei costi Ŕ uno di questi ed Emanuele, sono sicuro, ci darÓ degli ottimi spunti su come analizzare e preventivare al meglio ogni vostro lavoro.
    Ecco finalmente un argomento utile (speriamo non finisca nel solito dimenticatoio per˛! ogni riferimento Ŕ puramente casuale...Gi˛! grrrrrrrr!)

    Il mio benvenuto a te che sarai cosý gentile da spiegarci passo passo come scegliere i materiali giusti ai prezzi giusti e poter cosý realizzare lavori al prezzo giusto.....

    E' "giusto" ci˛ che ho scritto???

    aj˛˛˛˛˛˛˛˛˛˛˛˛˛

    Leave a comment:


  • giovannire
    replied
    Con Emanuele ci conosciamo da diversi anni ed abbiamo vissuto diversi seminari Viscom insieme alla signora Hunt. Ho imparato diverse cose da lui, la sua metodologia e le sue analisi sono state sempre chiarificatrici anche su aspetti molto delicati come il seminario che illustrava la scelta tra inchiostri originali e compatibili.

    L'ho incontrato ultimamente alla openhouse della DGV a Verona, abbiamo parlato di software gestionali, di CRM e di sistemi di preventivazione.

    Ecco spiegata la sua presenza, anche se apparentemente pu˛ sembrare commerciale siamo aperi al confronto e al dialogo con tutti coloro che vorranno farci capire meglio come risolvere problemi tipici del lavoro degli artigiani tecnologici.

    L'analisi dei costi Ŕ uno di questi ed Emanuele, sono sicuro, ci darÓ degli ottimi spunti su come analizzare e preventivare al meglio ogni vostro lavoro.

    Leave a comment:

Working...
X