Annuncio

Collapse
No announcement yet.

buongiorno!!!!

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • buongiorno!!!!

    Buongiorno a tutti!!

    Sono Giancarlo da Bergamo, per la precisione, dal lago di Iseo.....ma non parlatemi di bagno adesso!!!

    Vorrei innanzitutto ringraziarvi anticipatamente per la vostra disponibilita' e cortesia.

    Sono un progettista (e costruttore) di macchine speciali. Ho acquisito una commessa per la quale e' richiesta la marcatura di una guarnizione in VITON dopoaver eseguito un test di controllo.

    Ricercando tra le varie attrezzature disponibili sul mercato, ho dedotto che l'applicazione piu' idonea sia la stampa tampografica.

    Purtroppo pero' le attrezzature disponibili non si adattano alla mia applicazione in quanto sono ingombranti....preciso che dovrei stampare un bollino D5mm all'interno di uno stampo.....quindi dovrei modificare il gruppo e adattarlo alla mia applicazione.

    Premesso questo....vorrei chiedere a qualcuno di voi esperto in stampa..

    1- esiste qualche processo alternativo?
    2- avete qualche referenza di societa' affidabile disposta alla fornitura della parte relativa alla stampa....cliche' calamaio tampone..ecc..
    3- qualche suggerimento ulteriore e' certamente gradito ed apprezzato

    Vi ringrazio per la vostra collaborazione, e ancora buona giornata a tutti

    Giancarlo

  • #2
    Benvenuto Giancarlo.
    Che bel lavoro, il tuo!
    Tornando alla questione, in realtà la stampa tampografica è quanto di più simile esista ad un... timbro.
    Io penserei ad un sistema a timbro autoinchiostrante, utilizzando gli inchiostri giusti. Tipo quei timbri che si usano in tutti gli uffici, con le dovute modifiche strutturali, ovviamente.
    E forse darei uno sguardo anche alla marcatura laser, ma temo che il costo sia decisamente eccessivo per quel tipo di applicazione.
    Facci sapere come risolverai.
    Andrea - Seridea s.a.s. - Torino - www.seridea.it
    Serigrafia - Ricamo - Stampa digitale a ecosolvente e UV - Applicazione a caldo di vinile, borchie, strass
    STAMPA DIGITALE DIRETTA SU ABBIGLIAMENTO

    "Non soffro mai per le mie scelte, in genere sono le sofferenze a portarmi a compiere scelte importanti che devono portarmi ad un miglioramento" Fabio Mex

    Comment


    • #3
      ciao giangiarlo sono stefano neon valdarno, se vuoi avere maggiori possibilità che qualche AT ti aiuti devi specificare nel titolo ciò che vuoi se nò rischi che lo aprano in pochi. saluti
      NEON for LIFE

      Comment


      • #4
        grazie del suggerimento

        seguo la vostra indicazione e posto la stessa domanda di la'..

        buona giornata

        ciao

        Comment


        • #5
          ciao, benvenuto!
          dicci qualcosa di più di te nella sezione "questo sono io"

          Comment


          • #6
            ciao

            Originalmente inviato da giangiarlo Visualizza messaggio


            Premesso questo....vorrei chiedere a qualcuno di voi esperto in stampa..

            1- esiste qualche processo alternativo?
            2- avete qualche referenza di societa' affidabile disposta alla fornitura della parte relativa alla stampa....cliche' calamaio tampone..ecc..
            3- qualche suggerimento ulteriore e' certamente gradito ed apprezzato

            Vi ringrazio per la vostra collaborazione, e ancora buona giornata a tutti

            Giancarlo
            ciao sono mik
            il tuo lavoro è interessante x ogni stampatore...
            hai provato il processo di marcatura a caldo...hot-print...la classica stampa a caldo...puo' essere un procedimento alternativo..
            trattasi pero' di mettere una resistenza per riscldare il clichè in magnesio e un piccolo passo passo anche meccanico per far scorrere il foil-inchiostro...
            buon lavoro

            Comment


            • #7
              Originalmente inviato da ETICHETTE in Bobina Visualizza messaggio
              ciao sono mik
              il tuo lavoro è interessante x ogni stampatore...
              hai provato il processo di marcatura a caldo...hot-print...la classica stampa a caldo...puo' essere un procedimento alternativo..
              trattasi pero' di mettere una resistenza per riscldare il clichè in magnesio e un piccolo passo passo anche meccanico per far scorrere il foil-inchiostro...
              buon lavoro

              claudia, o hai sbagliato a firmarti o.....
              vabbè come ha detto qualcuno ormai l'otre è rotto, va bene tutto
              Cesare
              ICM - Cassolnovo (PV)
              Roland SP540V
              IO HO PAURA, MA ME NE SBATTO!!!
              bn-20's fan

              Comment


              • #8
                Originalmente inviato da ETICHETTE in Bobina Visualizza messaggio
                ciao sono mik
                il tuo lavoro è interessante x ogni stampatore...
                hai provato il processo di marcatura a caldo...hot-print...la classica stampa a caldo...puo' essere un procedimento alternativo..
                trattasi pero' di mettere una resistenza per riscldare il clichè in magnesio e un piccolo passo passo anche meccanico per far scorrere il foil-inchiostro...
                buon lavoro
                Penso che la marcatura a caldo o eseguita con una qualsiasi fonte di calore non sia adatta a delle guarnizioni di viton poichè ne potrebbero essere danneggiate.

                Ciao
                Campit
                Camarda Neon - Salerno -ITALY-EU

                Comment


                • #9
                  marcatura a caldo

                  Confermo che la marcatura a caldo non e' applicabile al VITON non tanto per la temperatura, ma per il processo meccanico di trasferimento del pigmento dal nastrino alla guarnizione stessa.
                  Infatti il cliche' metallico danneggerebbe la guarnizione.

                  Uso frequentemente la stampa a trasferimento termico nei processi di confezionamento, per stampare la data di scadenza dei prodotti sul film delle confezioni.

                  Per quanto riguarda la soluzione del tampone autoinchiostrante, ho preso in considerazione la soluzione a titolo conoscitivo, e ho alcuni dubbi...

                  1- il tempo di essiccazione del "bollino" stampato
                  2- come mantenere "attivi" i solventi sul tampone evitando l'evaporazione


                  Comunque resto in attesa, e, come richiesto da SEFORT provvedo a "postare" altro per farmi conoscere nella sezione "questo sono io"

                  grazie a tutti

                  Giancarlo

                  Comment


                  • #10
                    credo che l'unica sia la tampografia.
                    Le dimensioni non sono un'ostacolo puoi mettere un tamponcino anche sopra la testa di un chiodo, l'importante è avere una macchina possibilmente con pistone pneumatico per raggiungere l'escursione necessaria.
                    Romeo
                    Professionista per passione

                    Comment


                    • #11
                      Originalmente inviato da giangiarlo Visualizza messaggio

                      Per quanto riguarda la soluzione del tampone autoinchiostrante, ho preso in considerazione la soluzione a titolo conoscitivo, e ho alcuni dubbi...

                      1- il tempo di essiccazione del "bollino" stampato
                      2- come mantenere "attivi" i solventi sul tampone evitando l'evaporazione
                      Credo che con questi problemi dovrai fare i conti anche ipotizzando una soluzione "tampografica".
                      Ma penso che la soluzione dipenda sostanzialmente dall'ambiente in cui operi.
                      Andrea - Seridea s.a.s. - Torino - www.seridea.it
                      Serigrafia - Ricamo - Stampa digitale a ecosolvente e UV - Applicazione a caldo di vinile, borchie, strass
                      STAMPA DIGITALE DIRETTA SU ABBIGLIAMENTO

                      "Non soffro mai per le mie scelte, in genere sono le sofferenze a portarmi a compiere scelte importanti che devono portarmi ad un miglioramento" Fabio Mex

                      Comment


                      • #12
                        Originalmente inviato da giangiarlo Visualizza messaggio

                        Per quanto riguarda la soluzione del tampone autoinchiostrante, ho preso in considerazione la soluzione a titolo conoscitivo, e ho alcuni dubbi...

                        1- il tempo di essiccazione del "bollino" stampato
                        2- come mantenere "attivi" i solventi sul tampone evitando l'evaporazione


                        Comunque resto in attesa, e, come richiesto da SEFORT provvedo a "postare" altro per farmi conoscere nella sezione "questo sono io"

                        grazie a tutti

                        Giancarlo
                        prova allora quella tipografica o flexo
                        non ci sono problemi sui solventi ma solo sull'essiccazione, il clichè puoi realizzarlo anche con gommini flexografici anche per la tipografica..
                        usa un inchiostro con essiccante rapido e un piccolo fon di aria calda che aiuta...dovresti farcela...
                        devi pero' studiare il calamaio...come realizzarlo e la bagnatura dell'inchiostro al clichè...ma si puo' fare...
                        ciao

                        Comment

                        Working...
                        X