Annuncio

Collapse
No announcement yet.

8 Marzo...Festa della Donna

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • 8 Marzo...Festa della Donna

    Ho pensato di aprire questa discussione...perchè oggi è una giornata importante per tutte le donne...non definita come "Festa" sappiamo tutti l'importanza di questo giorno...e degli obiettivi raggiunti dalle donne e pensiamo anche a quelle donne che ancora subiscono...perchè considerate degli esseri inferiori...!!!

    Auguro a tutte le donne una buona giornata e che dire di più "AUGURI"
    questa la regalo io virtualmente a tutte....

    Silvana - GRAPHIC CREATION - Me

  • #2
    è così che va vista la giornata (e non festa) della donna. AUGURI
    Last edited by Monkey; 08-03-2008, 12:21:52.

    Comment


    • #3
      le donne vengono ancora considerate degli esseri inferiori?!..in realtà il cosiddetto " rinforzo" è uno dei vostri più antichi superpoteri un po' sadici...

      Detto questo auguri a tutte le donne da uno che da 4 mesi e mezzo ne ha una piccola piccola...
      Alcune persone cercano la verità. Altre cercano solo di avere ragione.

      Comment


      • #4
        Originalmente inviato da Atlantico sas Visualizza messaggio
        le donne vengono ancora considerate degli esseri inferiori?!..in realtà il cosiddetto " rinforzo" è uno dei vostri più antichi superpoteri un po' sadici...

        Detto questo auguri a tutte le donne da uno che da 4 mesi e mezzo ne ha una piccola piccola...
        Fai tanti auguri a quella piccola piccola...
        Silvana - GRAPHIC CREATION - Me

        Comment


        • #5
          Originalmente inviato da tosca_052007 Visualizza messaggio
          Fai tanti auguri a quella piccola piccola...

          la mia piccola piccola ti risponde " Guh Guhuhh"...credo voglia dire " grazie anche a te"
          Alcune persone cercano la verità. Altre cercano solo di avere ragione.

          Comment


          • #6
            La donna ha la forza che sorprende l'uomo.
            può controllare guai,
            può portare carichi pesanti.
            Sorride quando ha voglia di gridare,
            canta quando ha voglia di piangere,
            piange quand'è contenta e ride quand'è spaventata.
            Il suo amore è incontrollabile.
            L'unica cosa di sbagliato in lei è che a volte dimentica
            quanto vale!..

            Tamara
            TAMpointdigital
            San Floriano Vr - <span style="font-size:8px"><i>tampo....it</i></span>
            La felicità non è volere quello che si desidera, ma desiderare quello che si ha. (O.Wilde)

            Comment


            • #7
              L'8 marzo compie 100 anni

              Notizia reperita sul TGCom

              Alle origini della festa della donna

              Si festeggia da un secolo, almeno stando all'ipotesi più accreditata sull'orgine della festa, con manifestazioni e convegni, mostre, kermesse artistiche e spettacoli, che animano le piazze delle principali città di tutto il mondo, mentre su tutto primeggiano mazzettini di mimose, divenute il simbolo di questa giornata dedicata all'altra metà del cielo.

              E' la festa della donna, che compie quindi 100 anni se la si vuole far risalire al 1908, quando a New York, nei primi di marzo, le operaie dell'industria tessile "Cotton" scioperarono per protestare contro le terribili condizioni in cui erano costrette a lavorare. Lo sciopero alla "Cotton" si protrasse per alcuni giorni, finché l'8 marzo il proprietario bloccò tutte le porte della fabbrica per impedire alle donne di uscire. Nello stabilimento scoppiò però un incendio e le 129 operaie prigioniere all'interno morirono arse dalle fiamme. Successivamente questa data venne proposta come giornata di lotta internazionale, a favore delle donne, da Rosa Luxemburg, teorica della rivoluzione marxista che fondò il partito socialista polacco e il partito comunista tedesco, proprio in ricordo della tragedia di New York.

              Una 'festa' tra miti e verità quindi, che snoda il suo percorso in un secolo di storia che ha visto nascere movimenti politici, guerre, ideologie, ricostruzioni e che comunque rimane originariamente una giornata di lotta, anche se nel corso degli anni ha subito vicende alterne vedendo sfumare a volte il vero significato della ricorrenza in favore di 'motivazioni' più commerciali. Una giornata che rappresenta un cammino lungo e complesso per le donne di tanti paesi, più volte interrotto, ma ripreso sempre con grande tenacia con l'obiettivo dell'emancipazione e della liberazione femminile.

              Un'altra versione sull'origine della festa è quella di alcuni storici, che sostengono che possa risalire all'8 marzo del 1848, giorno in cui il re di Prussia, asserragliato nel suo palazzo e terrorizzato alla vista dei dimostranti inferociti, si affrettò ad elencare una serie di promesse (per altro mai mantenute), come quella di concedere il diritto di voto alle donne.

              Secondo un'altra versione la scelta dell'8 marzo avrebbe origini più lontane e risalirebbe all'8 marzo del 1848, quando le lavoratrici dell'industria dell'abbigliamento di New York proclamarono uno sciopero cui parteciparono trentamila donne, la più gigantesca manifestazione femminile che si fosse mai avuta negli Stati Uniti. Le scioperanti reclamavano il rispetto dei loro diritti politici e sociali, alla pari con gli uomini: diritto al voto, riduzione dell'orario di lavoro (da 12 a 8 ore al giorno), un giorno di riposo, un regolare contratto e una retribuzione rispondenti agli accordi sindacali fra padroni e lavoratori. L'imponenza della manifestazione sarebbe stata di per sé sufficiente a motivare la scelta dell'8 marzo per la giornata della donna.

              Al di là del perché la scelta cadde sull'8 marzo, l'stituzione della festa della donna in questa data può essere fatta risalire alla Conferenza Internazionale delle Donne Socialiste, che si tenne a Copenaghen il 29 agosto 1910, e decise di istituire su proposta della socialdemocratica tedesca Klara Zetkin la "Giornata Internazionale della Donna", fissandone la data all'8 marzo di ogni anno; spirito e scopo di quella giornata era, ed è, ottenere per le donne parità di trattamento rispetto agli uomini. In particolare, le socialiste chiedevano allora l'estensione del voto politico alle donne in ogni Paese.

              In Italia la festa della donna inizia ad essere festeggiata prima dello scoppio della prima guerra mondiale, la tradizione viene però interrotta durante gli anni del fascismo. La celebrazione riprende durante la lotta di liberazione come giornata di mobilitazione delle donne contro la guerra, l'occupazione tedesca e per le rivendicazioni di diritti femminili. Nascono i gruppi di difesa della donna collegati al Comitato di Liberazione Nazionale che darannopoi origine all'Udi (Unione Donne Italiane).

              E proprio l'8 marzo del 1945, un gruppo di donne appartenenti all'Udi si riunì a Roma per approvare un ordine del giorno mirante a "difendere il pane ai notri figli, alle nostre famiglie e per difenderci da freddo e dalla miseria". Ma la "festa" vera e propria venne organizzata solo l'anno successivo, dopo che a Londra si erano riunite le rappresentanti di 20 nazioni per redigere la "carta della donna" nella quale si chiedeva, fra l'altro "il diritto al lavoro in tutte le industrie, la parità salariale, la possibilità di accedere a posti direttivi e di partecipare alla vita politica nazionale e internazionale".

              Nel 1946 l'Udi prepara, quindi, il primo 8 marzo nell'Italia libera, proponendo di farne una giornata per il riconoscimento dei diritti sociali e politici delle donne. E fu proprio in quel 1946, il 2 giugno, che la donna italiana, per la prima volta nella storia, potè partecipare in maniera attiva con il proprio voto alla nascita della Repubblica.

              Al tempo si cercava un fiore che potesse contraddistinguere e simboleggiare la giornata. Scelsero quindi l"acacia dealbata' quale simbolo della giornata: poco costosa e molto reperibile, vista la fioritura dell'albero della mimosa proprio all'inizio di marzo. Il fiore simbolo della festa della donna in Italia non è però adottato internazionalmente; in Bosnia Erzegovina, ad esempio sono i garofani rossi ad essere regalati a tutte le donne.

              La vera "esplosione" in termini di popolarità e di partecipazione, l'8 marzo l'avrà negli anni '70. Anni che segnano la collaborazione dei movimenti femminili e femministi che, tra l'altro, operano attivamente anche per la legge di parità, per il diritto al divorzio e all'aborto. La prima manifestazione femminista in Italia risale infatti al 1972 e si svolse a Roma. Ma il top, la celebrazione dell'8 marzo, lo raggiunge nel 1980, con una grande manifestazione unitaria in cui confluiscono per la prima volta tutti i movimenti femminili e femministi. Solo nel dicembre 1977 l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione proclamando l'8 marzo come Festa Internazionale della donna.
              Silvana - GRAPHIC CREATION - Me

              Comment


              • #8
                Un mio piccolo omaggio a tutte le fantastiche Artigiane tecnologiche

                Sapere, Fare, Saper Fare, Far Sapere!
                Giovanni Re
                Community Manager
                ROLAND DG Mid Europe

                Comment


                • #9
                  na che belluuuuuuus!! grazie giò

                  Comment


                  • #10
                    Come rispondere ad un regalo così importante da parte di Giovanni...sicuramente con un particolare... da Silvana, Antonella e Tosca...
                    Silvana - GRAPHIC CREATION - Me

                    Comment


                    • #11
                      molte volte"noi uomini"sesso forte non consideriamo l'importanza che solo il fatto di esserci avete e dovremmo almeno un giorno si e un giorno pure avere un pensiero per voi e non il fatitico 8 Marzo,giorno troppo triste per ricordarvi,un Augurio di cuore a tutte Voi affinchè non si ripeti mai più quel'8 Marzo...AUGURI e divertitevi
                      Renzo Anselmi -Publiscreen-Orvieto

                      Comment


                      • #12
                        le mimose più belle ricevute oggi. grazie
                        ---------
                        tecla- atos-greenfax-
                        via f.lli grimm 40 -matera-0835386019-
                        www.greenfax.it - [email protected]

                        grafica - stampa grandi formati - allestimenti fieristici

                        Comment


                        • #13
                          non dimentichiamo mai che un mondo di sole donne non sarebbe divertente
                          ---------
                          tecla- atos-greenfax-
                          via f.lli grimm 40 -matera-0835386019-
                          www.greenfax.it - [email protected]

                          grafica - stampa grandi formati - allestimenti fieristici

                          Comment


                          • #14
                            pensa di soli uomini

                            Comunque anche per me troppo limitativo festeggiare le donne un solo giorno all'anno.
                            E il resto dell'anno che famo?

                            Ma intanto la mia parte cattiva dice: Bisognerebbe "fargli la festa" tutti i giorni

                            Comment


                            • #15
                              Originalmente inviato da GPDesign Visualizza messaggio
                              Ma intanto la mia parte cattiva dice: Bisognerebbe "fargli la festa" tutti i giorni
                              E noi con voi Uomini....???ogni giorno cosa dovremmo fare? altro che festa....
                              Silvana - GRAPHIC CREATION - Me

                              Comment

                              Working...
                              X