Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Soldi Buttati!

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Soldi Buttati!

    Non è la prima volta. Non sarà nemmeno l'ultima. La scorsa settimana abbiamo realizzato una delle più brutte decorazioni per furgoni nella storia della mia azienda. Questa realizzazione ha fatto ancor più radicare in me l'importanza di come dover parlare con le persone (volevo dire clienti, ma è un identificativo fuorviante), di come far valere la propria professionalità, gli anni passati a esercitare con passione il proprio lavoro...
    La decorazione è costata al cliente il giusto, come penso il giusto ci sia voluto per la grafica fornitaci e realizzata da un "qualche" studio grafico (a due mani, addirittura...).
    Niente impatto visivo per i messaggi, foto artigianali con tanto di soggetti sovraesposti o flashati, colori insignificanti, grafica puerile e poco curata...
    Insomma soldi buttati.
    Io sono l'ultimo dei grafici, l'ultimo dei decoratori, la ruota di scorta del carro dei pubblicitari. Ma di una cosa sono sicuro: cerco di fare bene il mio mestiere e di dare tutto quello che sono in grado di dare. Ma la cosa più difficoltosa resta il far capire alle persone che ti sono davanti quanto questo sia vero. Ormai tutti sono diffidenti su tutto. In questa epoca dove per risolvere problemi quotidiani, come chiedere spiegazioni per una bolletta sbagliata, per esempio, sei costretto a parlare con operatori che non sanno nemmeno quanto è lunga una spanna del proprio lavoro, oppure parlare con pinguini ben vestiti, coll'occhiale modaiolo e il capello ingellato che pensano solo al venderti un qualcosa in cui non credono nemmeno loro, è difficile convincere chi ti sta davanti a farti dare i propri denari per il tuo lavoro.
    E' vero. Sono diventato diffidente pure io, Ma mi ci hanno fatto diventare i pubblicitari. Quelli falsi e ipocriti. Un saluto.
    Il coraggio senza la paura è solamente incoscienza.

  • #2
    Max hai pienamente ragione! Siamo ormai frutto di una mal comunicazione e soprattutto siamo diventati diffidenti su tutto e su tutti. Il brutto della gente (clienti) è che ti fa storie per il prezzo e poi per risparmiare si fa fare le pecionate, dal grafico (non me ne vogliano i veri grafici) scarsacane! A questo punto la professionalità a cosa serve?
    Noi non vendiamo latte, pane, uova,
    farina o pasta. Noi produciamo idee, colori, sensazioni ed emozioni.
    Cose utili, uniche, fantastiche ed irripetibili!
    (cit. Renzo Anselmi)

    Tutto intorno a noi è in continua evoluzione e molti sono lì ad aspettare... cosa?
    Cambiate! Abbiate il coraggio di farlo! Non esiste nulla, nessun problema, che può limitare la
    vostra capacità di trasformare qualsiasi sogno in realtà.
    Quindi sognate, sognate pure, sognate tanto, ma dopo svegliatevi e costruite il vostro
    cambiamento!
    (cit. Fabio Tarte)

    FIRST di Spaziani A.
    Roma - Cesena
    http://www.first2051.it
    ROLAND GX24

    Comment


    • #3
      ragazzi,ormai è quotidianetà trovatsi a che fare con "gurù"della comunicazione e della grafica,quoto tutto quello che dice Max, ma a volte ho una gran voglia di aprirgli la porta dell'ufficio e dirgli"questo non lo posso fare"Perchè??? perchè è brutto..ultimamente però non gliò detto che era brutto non glie l'hò fatto proprio
      Renzo Anselmi -Publiscreen-Orvieto

      Comment


      • #4
        Concordo pienamente su tutto, anche noi ci troviamo spesso di fronte a grafiche realizzate da "grafici" improvvisati che non capiscono quasi nulla di accostamenti colori, proporzioni, e soprattutto non sanno cosa vuol dire pubblicità (nel senso che non capiscono come un veicolo che viaggia sia importantissimo per l' immagine aziendale) in quanto il loro lavoro consiste in tutt' altro oppure il progetto è stato fatto in word o da altri programmi Office da qualche parente o amico, così a volte proponiamo almeno piccole modifiche tanto per cercare di renderlo almeno un po più accettabile e d' impatto ma nulla, sbattiamo sempre contro un muro..."guardi il mio grafico..." oppure "guardi che mia figlia dopo la scuola smanetta tutto il giorno con il computer e fa un sacco di lavori per l' oratorio...", così alla fine pensiamo contenti loro contenti tutti anche se professionalmente parlando non è che sia il massimo...e nessuna soddisfazione mentre esegui l' applicazione!
        Buona domenica a tutti.
        Stefy
        ----------------------
        Stefania

        Comment


        • #5
          Mi rendo conto sempre di più...che tutti san fare tutto...perchè è nella concezione comune...che basta avere un computer....per essere in grado di fare grafica e di fare i grafici...ogni giorno mi ritrovo a veder entrare da me...gente (clienti) che hanno già l'impostazione grafica della brochure piuttosto che del bigliettino da visita...faccio del mio meglio, per fargli capire che...per avere un'immagine d'impatto servirebbe...uno sfondo oppure una font diversa...ma purtroppo..."non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire"...proprio lì ragazzi non possiamo farci niente.
          La soddisfazione poi...ormai mi capita di rado...mi sembra di stare nella piattitudine totale...capisco tutto ciò che dice Max...e condivido in pieno il suo pensiero...anche se passo delle ore a volte con il cliente a parlare e ad ascoltarlo per meglio capire...cosa vuole e come vuole rappresentarsi nel mondo della comunicazione...non sempre riesco ad infondergli il mio pensiero. Dobbiamo solo accettare e cogliere l'occasione appena si presenta...con quel cliente che si fida ciecamente di te...capita di rado...ma capita.
          Per il resto il mondo ormai è pieno di diffidenza...diffidiamo tutti e di tutto.
          Silvana - GRAPHIC CREATION - Me

          Comment


          • #6
            Una foto anche con il logo camuffato si può vedere?
            Buona domenica a tutti.
            www.multigrafic.it
            La differenza tra un uomo ed un bambino è nel prezzo dei loro giocattoli
            .

            Comment


            • #7
              soldi buttati: per chi?

              Concordo con la diffidenza e con il disamore per il proprio lavoro, probabilemnte poteva trattarsi di un cliente: io ordino e tu fai come dico io. In quel caso c'è poco da fare, bisogna tentare solo di convincerlo e non sempre al primo lavoro ci si riesce.
              In realtà credo che i soldi buttati siano solo per il grafico che gli ha fatto il lavoro, se tu max, gli hai fatto notare le cose che non andavano, probabilmente tornerà da te, fidelizzazione!
              ---------
              tecla- atos-greenfax-
              via f.lli grimm 40 -matera-0835386019-
              www.greenfax.it - [email protected]

              grafica - stampa grandi formati - allestimenti fieristici

              Comment


              • #8
                Non c'è cosa più brutta che ritrovarsi nel bel mezzo di un lavoro e rendersi conto di essersi fatti convincere ( spesso subdolamente, altre volte per tirchieria del cliente, altre ancora chissà perchè) a fare un lavoro mediocre....

                Io ho perso il primo anno alle superiori e ho vissuto il 5 anno ( che doveva essere il 1 di università) con una demotivazione tremenda....Fare dei lavori "mediocri", mi riporta a quella sensazione...

                Quindi Max quoto tutto quello che dici max pure io, a parte il fatto che sei uno dei migliori e che l'ultimo dei grafici e dei decoratori invece sono io!
                Alcune persone cercano la verità. Altre cercano solo di avere ragione.

                Comment


                • #9
                  sono due settimane che non rispondo al telefono di uno che mi chiama tutti i giorni per fare delle etichette.
                  Premesso che non è un mio cliente, ma compra i prodotti di un mio cliente, mi ha mandato delle etichette da fare delle prove.
                  poi mi chiama che la misura non è giusta. Ma cosa vuole che il file è chiuso e non sono neanche riuscito a mettergli il cutpath e le ho tagliate con le forbici.
                  Poi mi chiama lo studio grafico e mi chiede che file devo mandargli.
                  A sto punto mi sono arrabbiato e non gli rispondo più.

                  Al mio cliente gli ho detto che se le ordina gliele faccio, altrimenti che vada a farle da un'altra parte o dai suoi grafici della mutua.

                  Come si fa a lavorare così.
                  Mica siamo qui a pettinare le scimmie!!!

                  Comment


                  • #10
                    la zappa sui piedi

                    Fare un lavoro con una brutta grafica è come "tirarsi la zappa sui piedi".
                    Anche se il cliente insiste perchè "lo vuole così" ma alla fine viene un brutto lavoro la colpa non sarà mai del cliente ma sempre di chi il lavoro l' ha eseguito cioè noi !
                    Immaginate un amico del cliente che gli dice "ma che brutto lavoro , chi te l' ha fatto ?" , il cliente non dirà mai "ho sbagliato sono io che l' ho voluto così" ma si difenderà dicendo "l' ha fatto tizio , tizio non capisce nulla !"
                    Io faccio così: se il lavoro non mi convince dico al cliente le modifiche da apportare ; se accetta si va avanti , se rifiuta e lo vorrebbe fare come lo ha portato (cioè brutto) rifiuto il lavoro.
                    Vi sembrerà assurdo ma sono convinto che alla lunga questo è l' unico sistema perchè la colpa o il merito di un lavoro sono sempre di chi il lavoro lo esegue , mai di chi lo ordina.

                    Comment


                    • #11
                      premesso che almeno due di voi (Max e Atlantico) cercano di usurpare la mia posizione perchè io non sono nemmeno l' ultimo dei grafici, ma forse il penultimo dei non grafici che provano a fare grafica
                      premesso che a volte i clienti portano lavori che fanno schifo pure a me!
                      premesso che Max è un grande e Atlantico pure
                      a questo punto mi ritengo fortunato della mia diseducazione grafica, almeno non mi rodo il fegato per dei lavori che sono costretto a fare

                      Comment


                      • #12
                        Vi faccio una domanda,
                        visto che io grafico non sono, ma mi avvalgo di grafici esterni quando ne ho necessità,
                        ma la magior parte delle volte sono i miei clienti che mi portano o mi fanno inviare le grafiche da realizzare,
                        da premettere che io nasco come insegnista quindi finchè si parla della parte tecnica e strutturale bene, ma come posso io giudicare una grafica di studi affermati in Salerno e dire non faccio il lavoro perchè la grafica è da schifo non mi sento ne qualificato, ma nemmeno mi va di disprezzare il lavoro altrui, quindi faccio il mio di lavoro nel migliore dei modi, stampandolo con i colori più fedeli possibili con una bella definizione e facendo la struttura del'insegna e l'impianto eletrico a regola d'arte e rispettando tutte le normative
                        il problema sai dove sta che alla fine di tutto ciò comunque si giudica sempre l'effetto finale che è la grafica
                        quindi tutto il mio lavoro dove va a finire??????
                        Forse sono stato poco chiaro, bhe adesso vado a pranzo che dopo mi spetta ancora un bel lungo pomeriggio di lavoro
                        ciao a tutti
                        Rosario

                        P.S. per me è più semplice realizzare un'insegna completa che

                        scrivere
                        Ciao Rosario
                        ------------------------------------------------------------------------------------
                        L.E.SA. pubblicità
                        Pellezzano SA

                        Comment


                        • #13
                          Originalmente inviato da maxpetrignani Visualizza messaggio
                          Non è la prima volta. Non sarà nemmeno l'ultima. ...
                          ... proprio vero
                          “Perchè io credetti e credo la lotta coll’Alpi utile come il lavoro, nobile come un’arte, bella come una fede” Guido Rey

                          Comment


                          • #14
                            grande rosario sono con te.
                            stefanoneon
                            NEON for LIFE

                            Comment


                            • #15
                              Originalmente inviato da lagraferia Visualizza messaggio
                              Fare un lavoro con una brutta grafica è come "tirarsi la zappa sui piedi".
                              Anche se il cliente insiste perchè "lo vuole così" ma alla fine viene un brutto lavoro la colpa non sarà mai del cliente ma sempre di chi il lavoro l' ha eseguito cioè noi !
                              Immaginate un amico del cliente che gli dice "ma che brutto lavoro , chi te l' ha fatto ?" , il cliente non dirà mai "ho sbagliato sono io che l' ho voluto così" ma si difenderà dicendo "l' ha fatto tizio , tizio non capisce nulla !"
                              Io faccio così: se il lavoro non mi convince dico al cliente le modifiche da apportare ; se accetta si va avanti , se rifiuta e lo vorrebbe fare come lo ha portato (cioè brutto) rifiuto il lavoro.
                              Vi sembrerà assurdo ma sono convinto che alla lunga questo è l' unico sistema perchè la colpa o il merito di un lavoro sono sempre di chi il lavoro lo esegue , mai di chi lo ordina.
                              Quoto in modo assoluto, fare un brutto lavoro solo perchè il cliente lo vuole così equivale a farsi una cattiva pubblicità.
                              E non è vero che "un lavoro è sempre lavoro", perchè fare solo lavori di qualità è una strategia che alla fine paga sempre.
                              Se non altro perchè ti fai il nome di uno che fa solo bei lavori, e attiri i clienti che vogliono lavori fatti bene, e alla fine paradossalmente sono quelli che ti danno meno problemi.
                              Andrea - Seridea s.a.s. - Torino - www.seridea.it
                              Serigrafia - Ricamo - Stampa digitale a ecosolvente e UV - Applicazione a caldo di vinile, borchie, strass
                              STAMPA DIGITALE DIRETTA SU ABBIGLIAMENTO

                              "Non soffro mai per le mie scelte, in genere sono le sofferenze a portarmi a compiere scelte importanti che devono portarmi ad un miglioramento" Fabio Mex

                              Comment

                              Working...
                              X