Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Legalmente condivisibile.

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Legalmente condivisibile.

    In una discussione nata sicuramente nella sezione sbagliata è emerso che non tutto è legalmente condivisibile.
    Credo che il suggerimento di chiedere in pubblico e rispondere in privato non possa essere considerato una soluzione (la sola richiesta è già di per sé illegale) ed anticipo anche chi consiglierà di chiudere qualche sezione in quanto la condivisione di font, loghi e quantaltro sia un propria creazione (non una rielaborazione) è senza dubbio legale.
    Diversa è la richiesta di loghi e marchi legalmente tutelati: spesso mi sono chiesto come mai non vengano richiesti direttamente al committente che, in tal modo, si assume anche la responsabilità dell'utilizzo.
    Gradirei, quindi, che chi è realmente preparato sulla questione fornisca delle indicazioni in merito in modo da evitare richieste "fuorilegge" ed, in secondo luogo, da garantire la "legalità" dei lavori eseguiti.

  • #2
    La richiesta di loghi e la loro pubblicazione credo sia una cosa lecita in quanto il 99% dei loghi sono comunque recuperabili in internet con una semplice ricerca tramite Google. Viene solo chiesto un aiuto nel recuperarli velocemente. Sta poi a chi li utilizza in stampa sapere o meno se è autorizzato a farlo.

    Per quanto riguarda i font credo che la richiesta sia lecita in quanto un font potrebbe tranquillamente essere disponibile gratuitamente. Sta invece a chi condivide il materiale stare attento che questa distribuzione non violi alcuna legge.

    E' un argomento che mi interessa e sono curioso di sentire altri pareri, anche autorevoli, in merito.

    Comment


    • #3
      Vi faccio un esempio.
      Io sono radioamatore patentato quindi posso utilizzare tutti gli apparati radio a sulle frequenze destinate a tale uso
      La quasi totalità di apparati radio in vendita è già predisposto dalle case prodruttrici per trasmettere su frequenze non riservate ad uso radioamatoriale. (forze dell' ordine,aereoplani ecc.)
      Ne consegue che non solo i radioamatori ma tutte le persone fisiche possano acquistare e utilizzare radio per ascoltare e trasmettere con tutti, visto che sono di pubblica vendita; ma se ti beccano in flagrante, e non é difficile, auguri.
      Lo stesso discorso vale per i loghi registrati, li trovi su internet in tutti i formati o addirittura ti vendono i CD pronti all' uso con migliaia di loghi.ma se ti beccano che tu fai adesive con il logo Ferrari,e non è difficile, auguri
      Queso vuol dire che se anche tu trovi migliaia di loghi non è detto che tu puoi utilizzarli a tuo piacere nascondendosi dietro alla scusa"ma lo trovato su internet"
      A me personalmente non sono mai capitate grane ma qualcuno che ha tentato non solo ha chiuso ma si è trovato dei problemi a livello giuridico non indefferente, ed risultato alla fine come se avessi rubato
      SERIPLAST Luzzara - RE www.seriplastluzzara.it
      Panizza Davide
      Roland XC 540 - SUMMA DC3 - calandra MAC TAC Flash 1600 - SUMMA T 610

      Comment


      • #4
        Credo occorra distinguere i due discorsi:
        1. Uso un logo che non sono autorizzato ad usare (ma non è un discorso che c'entra con la condivisione sul forum)
        2. Sono autorizzato a utilizzare un logo ma non me lo forniscono e quindi lo trovo, lo ricostruisco o lo chiedo su internet

        Comment


        • #5
          sono perfettamente d'accordo con PICO.
          io sono in possesso del logo del mio comune, ma lo uso legalmente per fare stampe per loro conto.
          se volessi ad.es. fare delle cartoline o dei portachiavi con lo stemma dovrei avere l'autorizzazione credo del sindaco.
          W..aleria...la clava!

          Comment


          • #6
            Discorso molto interessante, che cercherò di sintetizzare in base a ciò che ho letto in materia.
            Font:
            1) commerciali (es. Adobe o Linotype) si possono usare solamente se in possesso di regolare licenza, come i software, inoltre sono brevettati. Possono essere parte integrante di un logo brevettato a patto di essere non modificabili (in tracciati), il progettista del logo deve essere in possesso della licenza.
            2) free si possono condividere e utilizzare liberamente, a patto che non siano uguali o quasi a font commerciali regolarmente brevettati.

            Clipart: stesse regole dei font commerciali e free

            Loghi: la loro condivisione è permessa ma l'utilizzo è regolamentato. Supponiamo ad esempio che un negozio di abbigliamento ordini un cartello con la scritta "negozio autorizzato Benetton", in questo caso la Benetton deve rilasciare una liberatoria al negoziante il quale a sua volta la deve rilasciare a noi. Ricordiamoci che la legge non ammette ignoranza
            Ciao
            PUBBLISTAMPA
            Assemini (Ca)

            Non perdere tempo seduto sulla riva del fiume, il cadavere del nemico non passerà mai e i pesci sono scappati!
            https://www.facebook.com/manolo.gallus?fref=ts

            Comment


            • #7
              Supponiamo ad esempio che un negozio di abbigliamento ordini un cartello con la scritta "negozio autorizzato Benetton", in questo caso la Benetton deve rilasciare una liberatoria al negoziante il quale a sua volta la deve rilasciare a noi. Ricordiamoci che la legge non ammette ignoranza
              Ciao[/quote]



              Riassumendo quindi è meglio farsi una liberatoria in cui tizio e caio che ci chiede il marchio firmi e dichiari di aver i regolari permessi e documenti per l'utilizzo del logo......se ho capito bene dovrebbe bastare questa.........
              ma se non la firma??? o se ritardasse a consegnarla che fare lasciar perdere il lavoro...giusto???...non dimentichiamoci che molti clienti sono pigri e poco ligi al seguire la burocrazia(ma non per questo disonesti)....specialmente chi non dispone di segretarie ........
              per essere al sicuro basta quindi una liberatoria?

              Comment


              • #8
                Faccio un esempio vissuto in prima persona, un mio cliente (mobilificio) mi ha commissionato la promozione per alcuni suoi prodotti commercializzati di una famosissima marca, questa promozione non è piaciuta ad alcuni suoi concorrenti i quali hanno denunciato il fatto alla casa madre la quale non potendo agire legalmente contro il venditore (in italia non è vietato vendere sottocosto) ha pensato di rivalersi sull'uso improprio del loro marchio pubblicizzato dappertutto, 6x3, 100x140, volantini, quotidiani locali, ecc.

                Sono stato chiamato in causa anche io, per fortuna essendo abituato a lottare contro la sfiga quotidianamente mi sono fatto firmare preventivamente un foglio che esulava la mia azienda da qualsiasi responsabilità civile e penale sull'uso dei marchi reclamizzati. Mi è bastato presentare questo foglio in tribunale per sollevarmi da tutte le responsabilità.

                Naturalmente non basta una liberatoria nel caso si debba riprodurre denaro o altri casi particolari.

                Bisogna inoltre ricordarci che PER LEGGE siamo tenuti a scrivere il nome della nostra azienda e un recapito rintracciabile (tel. fisso, oppure indirizzo) su tutti gli stampati che vanno esposti al pubblico.
                PUBBLISTAMPA
                Assemini (Ca)

                Non perdere tempo seduto sulla riva del fiume, il cadavere del nemico non passerà mai e i pesci sono scappati!
                https://www.facebook.com/manolo.gallus?fref=ts

                Comment


                • #9
                  qui stiamo tornando a parlare di diritti d'autore, ecc, cose già discusse in altre parti del forum.
                  Quello che è il problema, è se possiamo condividere o no cose di cui non abbiamo l'autorizzazione, o che non abbiamo fatto noi.
                  E quindi rientrano le sagome dei veicoli che abbiamo su CD (tipo quelli della spandex), i font che abbiamo nel PC, e immagini e foto non di nostra proprietà.

                  Per le sagome dei veicoli per esempio c'è in ogni file la scritta del copyright, quindi sono ad uso gratuito, ma non si dovrebbero condividere.

                  Per i font inclusi nei sistemi operativi, sarebbe da leggere bene il contratto di Licenza d'uso del programma, per vedere cosa è consentito.

                  Per quelli che si trovano liberamente in internet, su siti come dafont e altri, si presuppone che chi li ha messi lì abbia il permesso da parte dei creatori degli stessi.

                  Credo che sarebbe meglio, nel dubbio, caricare le risorse su server esterni a Roland (sempre a proprio rischio e pericolo), almeno, oltre a non sovraccaricare il server, si solleva il Forum e Roland da ogni responsabilità connessa.
                  Oppure se già si trovano su altre fonti di condivisione, inserire solo in link

                  Comment


                  • #10
                    Originalmente inviato da GPDesign Visualizza messaggio
                    ... Credo che sarebbe meglio, nel dubbio, caricare le risorse su server esterni a Roland (sempre a proprio rischio e pericolo), almeno, oltre a non sovraccaricare il server, si solleva il Forum e Roland da ogni responsabilità connessa. ...
                    Giorgio, il problema non è la responsabilità che cade su Roland.
                    Del resto fino ad oggi Roland non ha mai dato nessuna indicazione in merito ed il motivo è semplice: chi chiede qualcosa non legalmente condivisibile sta già commettendo un'azione illecita e chi fornisce quel qualcosa, direttamente o linkando ad un sito esterno al forum, commette un'ulteriore azione illecita.
                    Per non andare lontano dal nostro mondo: se una casa produttrice mi fornisce un profilo per il VP che non pubblica da nessuna parte io non posso condividerlo se non previa espressa autorizzazione della casa.
                    Il problema dei marchi è di semplice soluzione: se il cliente mi commissiona un lavoro con un marchio legalmente tutelato mi fornisce la liberatoria ed il file ed in tal modo ho una doppia garanzia dell'autorizzazione all'uso. Però nel momento in cui entro in possesso di quel file lo posso utilizzare solo per quel lavoro e non posso certo condividerlo.
                    Il vero problema è: conosciamo realmente il tipo di tutela cui è sottoposto tutto il materiale di cui siamo in possesso? Font, clipart, texture ed altro?
                    Ad esempio, vedo spesso lo scambio di clipart della collezione office liberamente scaricabile dal sito microsoft: è una fonte libera ma è limitata all'utilizzo per fini non commerciali. Lo scambio di tali clipart su un forum di scambio di esperienze lavorative tra operatori professionali non constituisce già per le caratteristiche stesse del forum una violazione alle condizioni sottoscritte contestualmente al download? E se quella clipart è presente anche nella collezione corel di cui ho acquistato regolare licenza posso condividerla?
                    Mi rendo conto che è un argomento molto complesso, ma sarebbe bello se si riuscisse a lavorare senza correre rischi inutili.

                    Comment


                    • #11
                      Originalmente inviato da GPDesign Visualizza messaggio
                      qui stiamo tornando a parlare di diritti d'autore, ecc, cose già discusse in altre parti del forum.
                      Quello che è il problema, è se possiamo condividere o no cose di cui non abbiamo l'autorizzazione, o che non abbiamo fatto noi.
                      E quindi rientrano le sagome dei veicoli che abbiamo su CD (tipo quelli della spandex), i font che abbiamo nel PC, e immagini e foto non di nostra proprietà.
                      Perchè scusa di cosa stiamo parlando? Leggi attentamente prima di riprendere qualcuno

                      Per le sagome dei veicoli per esempio c'è in ogni file la scritta del copyright, quindi sono ad uso gratuito, ma non si dovrebbero condividere.
                      Non sono ad uso gratuito, bisogna acquistarle per poterle usare

                      Per i font inclusi nei sistemi operativi, sarebbe da leggere bene il contratto di Licenza d'uso del programma, per vedere cosa è consentito.

                      Per quelli che si trovano liberamente in internet, su siti come dafont e altri, si presuppone che chi li ha messi lì abbia il permesso da parte dei creatori degli stessi.
                      Non si può presupporre niente, è come se si scaricasse da e-mule e si presuppone che tutto sia regolare, bisogna accertarsi

                      Credo che sarebbe meglio, nel dubbio, caricare le risorse su server esterni a Roland (sempre a proprio rischio e pericolo), almeno, oltre a non sovraccaricare il server, si solleva il Forum e Roland da ogni responsabilità connessa.
                      Oppure se già si trovano su altre fonti di condivisione, inserire solo in link
                      come ha detto Mex inserire un link di condivisione di materiale protetto è come indurre al furto
                      Questo a parer mio è un problema che va sviscerato a fondo, perchè se affrontato con leggerezza prima o poi ci si ritrova a doverne pagare le conseguenze, specialmente in questo periodo di crisi generale dove le grosse aziende si appigliano a tutto pur di incassare qualcosa.
                      PUBBLISTAMPA
                      Assemini (Ca)

                      Non perdere tempo seduto sulla riva del fiume, il cadavere del nemico non passerà mai e i pesci sono scappati!
                      https://www.facebook.com/manolo.gallus?fref=ts

                      Comment


                      • #12
                        Ho letto che si parlava di stampa di materiale senza autorizzazione o con, marchi registrati, ecc.
                        E di questo avevamo già parlato ampiamente in altre discussioni.
                        Poi non ho ripreso nessuno, solo precisato il tema di adesso, ciòè condividere sul forum o no, non l'uso che poi se ne fa

                        Per le sagome: mi sono registrato sul sito della Spandex e gratuitamente al visual mi hanno dato un DVD con tutte le sagome, e ormai lo faccio da 3 anni, non essendo neanche loro cliente.
                        E come me lo fanno in tanti qui dentro

                        Chi fa un sito di font da "regalare", se non è apposto con i diritti, chiude ancora prima di aprire. Se io gratuitamente li scarico da quel sito, e non sto parlando di P2P ma siti internet raggiungibili da tutti, mi aspetto di non avere problemi di nessun genere.
                        Prima di mettere online del materiale avranno fatto i loro conti per vedere se potevano farlo o no

                        Parlando di altre fonti di condivisione intendevo sempre siti o comunque cose legali.
                        Altrimenti si mandano direttamente via e-mail come qualcuno ha fatto, ed è stato ripreso per questo.

                        Se cerco un font che non ho nel PC, non posso sapere se è una risorsa gratuita raggiungibile in rete o no, a meno che non la chiedo.
                        Se qualcuno mi dice che esiste solo a pagamento, o che è proprietà di qualcuno, ne prendo atto e lo cerco tramite i canali autorizzati.

                        Quindi una richiesta non implica necessariamente un'istigazione a reato.

                        ok? ciao

                        Comment


                        • #13
                          Giorgio forse non ci capiamo, nel 3d precedente da te menzionato si discuteva sul produrre e commercializzare direttamente da noi stessi stampe o adesivi contenenti personaggi o loghi brevettati, in questo caso stiamo parlando di riproduzioni per conto terzi, ed è ben diverso.
                          Originalmente inviato da GPDesign Visualizza messaggio
                          Se cerco un font che non ho nel PC, non posso sapere se è una risorsa gratuita raggiungibile in rete o no, a meno che non la chiedo.
                          Se qualcuno mi dice che esiste solo a pagamento, o che è proprietà di qualcuno, ne prendo atto e lo cerco tramite i canali autorizzati.
                          Quindi una richiesta non implica necessariamente un'istigazione a reato.
                          ok? ciao
                          Questa sarebbe una buona regola che andrebbe messa a chiare lettere sul regolamento, ciao
                          P.S. Se vengo ripreso da qualcuno non mi offendo, non sono permaloso
                          PUBBLISTAMPA
                          Assemini (Ca)

                          Non perdere tempo seduto sulla riva del fiume, il cadavere del nemico non passerà mai e i pesci sono scappati!
                          https://www.facebook.com/manolo.gallus?fref=ts

                          Comment


                          • #14
                            Originalmente inviato da Manolo Visualizza messaggio
                            Bisogna inoltre ricordarci che PER LEGGE siamo tenuti a scrivere il nome della nostra azienda e un recapito rintracciabile (tel. fisso, oppure indirizzo) su tutti gli stampati che vanno esposti al pubblico.
                            Questo proprio non lo sapevo. Interessante...

                            Potresti darci il riferimento di legge?

                            Grazie,
                            Fabio
                            Fabio

                            -----
                            Art&Graph, Genova

                            Comment


                            • #15
                              Originalmente inviato da Manolo Visualizza messaggio
                              Faccio un esempio vissuto in prima persona, un mio cliente (mobilificio) mi ha commissionato la promozione per alcuni suoi prodotti commercializzati di una famosissima marca, questa promozione non è piaciuta ad alcuni suoi concorrenti i quali hanno denunciato il fatto alla casa madre la quale non potendo agire legalmente contro il venditore (in italia non è vietato vendere sottocosto) ha pensato di rivalersi sull'uso improprio del loro marchio pubblicizzato dappertutto, 6x3, 100x140, volantini, quotidiani locali, ecc.

                              Sono stato chiamato in causa anche io, per fortuna essendo abituato a lottare contro la sfiga quotidianamente mi sono fatto firmare preventivamente un foglio che esulava la mia azienda da qualsiasi responsabilità civile e penale sull'uso dei marchi reclamizzati. Mi è bastato presentare questo foglio in tribunale per sollevarmi da tutte le responsabilità.

                              Naturalmente non basta una liberatoria nel caso si debba riprodurre denaro o altri casi particolari.

                              Bisogna inoltre ricordarci che PER LEGGE siamo tenuti a scrivere il nome della nostra azienda e un recapito rintracciabile (tel. fisso, oppure indirizzo) su tutti gli stampati che vanno esposti al pubblico.
                              ciao,
                              visto che sembri molto ferrato in queste beghe.....potresti a favor di tutti pubblicare la lettera con cui hai iniziato a salvarti, ovviamente cancellando i dati personali.... e citare i dati della legge che obbliga l'apposizione di chi realizza gli stampati... grazie
                              ciaooo

                              Comment

                              Working...
                              X