Annuncio

Collapse
No announcement yet.

coton fioc di pulizia che tocca le spugnette delle teste...cosa può accadere?

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • coton fioc di pulizia che tocca le spugnette delle teste...cosa può accadere?

    salve a tutti nn so se è capitato a qualcuno sbadatamente mentre facevo la pulizia ordinaria del sp-540-v sulla parte destra del plotter esattamente dove ci sono le due spugnette dove vanno a pulirsi le teste, mi è scappata la mano e ho toccato con il coton fioc sopra la spugnetta rossa....che cosa può succedere??
    se qualcuno mi può tranquillizzare...

  • #2
    hai rovinato ...il cotton fioc!
    non dovrebbe essere successo niente
    quello a cui devi stare attento e non strofinare le testine
    W..aleria...la clava!

    Comment


    • #3
      in un video vedevo che pulivano anche le testine con il liquido di pulizia e stick ... usando eeeeeeeeeeeeeeeeeeeestrema delicatezza e tatto senza strofinare ma ssssfiorando quasi

      Comment


      • #4
        quanto a questo l'ho fatto anche io, e con non tanta delicatezza!
        la testina del nero appariva da buttare, e a quel punto che male c'era?
        da 18 mesi, "dopo la cura" funziona ancora!
        comunque solo in casi di emergenza.. buttare per buttare.... ce provo!
        W..aleria...la clava!

        Comment


        • #5
          a me è capitato spesso, perso per perso, di pulire le testine con alcool o (meglio) con il glassex o roba simile...

          certo, non è che poi durino granchè, ma in qiuesto modo ho resuscitato testine ormai tappate

          riguardo alla delicatezza... a volte sono stato anche abbastanza "duro", con scottex o simili :\ ma non ho mai fatto più danni di quelli che la testina già aveva, anzi...

          nota: una volta ho provato un'altro sgrassante, al posto del glassex, ed ho combnato un disastro..evidentemente aveva dentro altri prodotti per la cura dei mobili o dei vetri che non erano così volatili come l'alcool. Risultato: tutto inutilizzabile, fin da subito.

          Comment


          • #6
            Originalmente inviato da dilog Visualizza messaggio
            a me è capitato spesso, perso per perso, di pulire le testine con alcool o (meglio) con il glassex o roba simile...

            certo, non è che poi durino granchè, ma in qiuesto modo ho resuscitato testine ormai tappate

            riguardo alla delicatezza... a volte sono stato anche abbastanza "duro", con scottex o simili :\ ma non ho mai fatto più danni di quelli che la testina già aveva, anzi...

            nota: una volta ho provato un'altro sgrassante, al posto del glassex, ed ho combnato un disastro..evidentemente aveva dentro altri prodotti per la cura dei mobili o dei vetri che non erano così volatili come l'alcool. Risultato: tutto inutilizzabile, fin da subito.

            Se propio le vuoi sfregare, almeno usa il cleaner che è più adatto!
            Inoltre se le si tamponano nel modo e utilizzando lo stick che roland consiglia non ci sono problemi.
            Roland is the best!

            Comment


            • #7
              Originalmente inviato da dilog Visualizza messaggio
              a me è capitato spesso, perso per perso, di pulire le testine con alcool o (meglio) con il glassex o roba simile...

              certo, non è che poi durino granchè, ma in qiuesto modo ho resuscitato testine ormai tappate

              riguardo alla delicatezza... a volte sono stato anche abbastanza "duro", con scottex o simili :\ ma non ho mai fatto più danni di quelli che la testina già aveva, anzi...

              nota: una volta ho provato un'altro sgrassante, al posto del glassex, ed ho combnato un disastro..evidentemente aveva dentro altri prodotti per la cura dei mobili o dei vetri che non erano così volatili come l'alcool. Risultato: tutto inutilizzabile, fin da subito.
              Certo è che se ti riferisci alle teste di un plotter a base acqua come un HP5500 o simili puoi farlo senza grossi problemi (in alcuni casi è anche consigliato dal produttore con annessi strumenti forniti con la macchina).
              Su teste a base solvente (a seconda dei casi) lo trovo parecchio rischioso.
              Massimo Deidda

              Intergraphica s.r.l.
              [email protected]
              Skype: Intergraphicasrl
              Via Macallé 35 - 12045 Fossano CN

              --
              "Il vostro lavoro riempirà una grande parte della vostra vita e l’unico modo per essere davvero soddisfatti è fare quello che credete sia un bel lavoro... L’unico modo per fare un bel lavoro è amare ciò che fate".

              Steve Jobs

              Comment


              • #8
                Originalmente inviato da intergraphicasrl Visualizza messaggio
                Certo è che se ti riferisci alle teste di un plotter a base acqua come un HP5500 o simili puoi farlo senza grossi problemi (in alcuni casi è anche consigliato dal produttore con annessi strumenti forniti con la macchina).
                Su teste a base solvente (a seconda dei casi) lo trovo parecchio rischioso.
                si, mi riferivo a plotter a base acqua (con ink UV, ma credo cambi di poco la sostanza)

                Comment


                • #9
                  io invece a un roland ecosolvent
                  W..aleria...la clava!

                  Comment


                  • #10
                    Io una volta al mese o più, con uno stick di pulizia nuovo imbevuto del prodotto di pulizia Roland, lo appoggio sulla testina in modo che si bagna col prodotto di pulizia...ogni venerdì sera prima di chiudere poi faccio la pulizia standard. Per ora mai avuto problemi...
                    Mirko
                    -----------------
                    ValtNet s.r.l.
                    Sondrio

                    Comment


                    • #11
                      Una domanda. Ho visto dal mio fornitore che esistono le cartucce di pulizia. Qualcuno di voi le usa? Ed eventualmente ogni quanto? Io sono 3 anni che ho il plotter e non le ho mai usate però stampa ancora benissimo.
                      Più che altro, mi hanno detto che bisogna prenderne una per colore e sono 260 euro di cartucce per fare una pulizia....
                      Mirko
                      -----------------
                      ValtNet s.r.l.
                      Sondrio

                      Comment


                      • #12
                        Ciao,
                        non so se con il Roland sia come sul mio plotter, dovrai aspettare risposte più autorevoli. Nel mio caso esistono delle cartucce dummies che servono a mettere il plotter in fermo (tipo le vacanze estive) e fargli fare la pulizia con solvente senza pigmento, in maniera da avere le teste sempre spurgate con costi minori.
                        Massimo Deidda

                        Intergraphica s.r.l.
                        [email protected]
                        Skype: Intergraphicasrl
                        Via Macallé 35 - 12045 Fossano CN

                        --
                        "Il vostro lavoro riempirà una grande parte della vostra vita e l’unico modo per essere davvero soddisfatti è fare quello che credete sia un bel lavoro... L’unico modo per fare un bel lavoro è amare ciò che fate".

                        Steve Jobs

                        Comment


                        • #13
                          Originalmente inviato da Zizzo Visualizza messaggio
                          Una domanda. Ho visto dal mio fornitore che esistono le cartucce di pulizia. Qualcuno di voi le usa? Ed eventualmente ogni quanto? Io sono 3 anni che ho il plotter e non le ho mai usate però stampa ancora benissimo.
                          Più che altro, mi hanno detto che bisogna prenderne una per colore e sono 260 euro di cartucce per fare una pulizia....
                          Si usano quando si vuol cambiare tipologia o combinazione di inchiostri o per fare manutenzione approfondita e lavare per bene tutto il circuito.
                          Il loro compito principale resta quello di pulire tutto in previsione di un fermo macchina molto prolungato (vacanze estive o vendita della macchina).
                          www.multigrafic.it
                          La differenza tra un uomo ed un bambino è nel prezzo dei loro giocattoli
                          .

                          Comment

                          Working...
                          X