Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Dalla "spalliera"...alle spallate...

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Dalla "spalliera"...alle spallate...

    Visto che l'argomento relativo al post di labottegamultimediale http://www.rolandforum.com/allestime...html#post72360 si è fatto interessante, soprattutto grazie agli approfondimenti di Witch, ho spostato la discussione in questa area che mi sembra molto più idonea.
    Comincio:

    Originalmente inviato da giovannire Visualizza messaggio
    Pensiamo seriamente su come sviluppare questa nicchia:
    [LIST][*]C'è mercato?[*]Quanti mobilieri o mobilifici ci sono in Italia?[*]Quanti di voi hanno avuto creato qualcosa per questi mercati?[*]Quanto sono disposti a spendere per una personalizzazione della spalliera o personalizzazione di mobili.
    ...
    ...Come bisogno primario ci sarà sempre una richiesta.
    E' ovvio che, in questo periodo, niente ha più la stessa nitidezza delle certezze che, anni fa, davano base all'economia e agli investimenti.
    Il mercato di nicchia, ormai è risaputo, è un area che va affrontata e gestita con bisturi e pinze da microchirurgia. O si sviluppa in maniera totalitaria (l'azienda che fabbrica i piombi per gli insaccati e che commercializza in tutto il mondo, proprio perchè ha macchinari particolari che riescono a realizzare quei specifici prodotti ed in maniera concorrenziale), investendo e puntando tutto su di esso conquistandosi la leadership del settore (cosa che ha sempre e comunque vita relativamente breve), oppure ci si accontenta di bere dalla pozza, finchè la stessa non si prosciuga col tempo.
    Il mercato di nicchia segmenta la clientela mentre, per creare una domanda di massa, andrebbero valutati più punti, come asserisce Chan Kim in "Strategia Oceano Blu".
    Ma allora, in un momento dove la liquidità economica non esiste più, dove gli investimenti si sono tramutati in operazioni al risparmio e corsa ai servizi legati ad esso, dove i clienti non sanno distinguere più il valore primario dei propri bisogni, cosa è più opportuno vagliare?
    La possibilità di creare nuova domanda dai bisogni, esiste in questo momento?
    Creare un bisogno che si trova nel punto più alto della Piramide di Maslow, può portare ora, adesso, in questo istante, a creare nuove aree di guadagno economico?
    Bisogna rovesciare la piramide?
    La maggior parte delle realtà che orbita intorno a questo forum, assomiglia molto alla mia. Perciò penso che la maggior parte di queste realtà la pensi come me e si ponga queste domande.
    Perciò rigiro i quesiti a Mario Picchio il quale essendo sempre in contatto con le alte sfere dell'economia globale ed avendo occhi ed orecchi puntati verso i guru della finanza mondiale, spero ci apra uno spiraglio su come muoversi in questo campo molto, forse troppo, legato ai suoi prodotti, ma con un occhio di riguardo anche alle effettive possibilità e alle future necessità degli utenti di questo forum.
    Ripeto, io sono uno di quelli che, al momento, è costretto a dire al venditore di stampanti: Non è che io non voglia comprare le tue stampanti...è che non posso comprarle perchè, in futuro, è certo che non saprò più cosa farne...
    Ed anche perchè non possiamo avere tutti la laurea in scienze economiche, poiché i valori dell'uomo si sono ormai tramutati in denaro.
    L'italiano, si sà, è un tipo furbo. Ma vuole sempre le sue certezze.
    Riposarmi e stare in salute, bere e mangiare, mi sembra che possano ancora andare per me.
    Io preferisco vivere.
    Comunque sono ottimista: un giorno la Terra servirà a concimare un pianeta
    lontano (Altan).
    Last edited by maxpetrignani; 08-07-2009, 00:04:42.
    Il coraggio senza la paura è solamente incoscienza.
Working...
X