Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Agenti di vendita

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Agenti di vendita

    Agenti di vendita - questi sconosciuti!

    In un periodo sicuramente non facile per l'economia, anche per gli Artigiani Tecnologici e' necessario procacciare sempre nuovi clienti e nuovi lavori.
    Credo che la stragrande maggioranza di noi tutti non utilizzi agenti di vendita (o procacciatori di "commesse").
    Ma nel caso, avete mai pensato di utilizzarli?
    Sapete come ci si comporta? Percentuale sul fatturato? oppure vi e' un fisso mensile? Eppoi si richiede fattura per "prestazione/consulenza" ?

    Ciao
    Fabio
    Fabio

    -----
    Art&Graph, Genova

  • #2
    io ho stabilito degli accordi con alcuni negozi, con cui ci "faremmo altrimenti concorrenza".
    loro mi portano parecchi lavori (io sono più attrezzato di loro) che pagano dal 20 al 30% in meno del pubblico ed io non vado a zappare nel loro orto.

    Comment


    • #3
      Legalmente l'unica figura professionale che può svolgere questo tipo di attività è l'agente di commercio regolarmente iscritto all'albo RAC (rappresentanti ed agenti di commercio): questi rilasciano regolare fattura al pagamento delle provvigioni.
      Tutte le altre figure sono compromessi ai limiti della legalità...
      L'agente di commercio guadagna provviggioni sul venduto grazie al suo intervento: le provviggioni si quantificano o in percentuale sul fatturato o, molto raramente, con il sistema del plus sul prezzo stabilito.
      L'agente di commercio non percepisce alcun fisso mensile: al massimo può essere concordato un anticipo provviggionale per il primo periodo di attività (a rischio e pericolo dell'azienda che difficilmente recupera il versato in caso di mancato fatturato).
      L'agente di commercio può percepire, in alcuni casi, varie tipologie di contributi spese e/o incentivi: rimborso carburante (attenzione che deve essere in base alla tabelle ACI), rimborso spese a piè di lista, rimborso spese forfettario, auto aziendale in comodato d'uso, etc...
      Le provviggioni possono essere corrisposte in vari modi: sull'ordinato, sul fatturato, sull'incassato o in percentuale sull'ordinato/fatturato e saldo all'incasso.
      Infine l'agente di commercio è un soggetto INPS ma usufruisce delle prestazioni di un ente previdenziale integrativo obbligatorio che si chiama ENASARCO: il versamento ENASARCO viene effettuato in parte dall'agente di commercio ed in parte dall'azienda mandante.
      In parole povere: se ci stai pensando senti bene il tuo commercialista e fatti bene i conti di quanto ti costa!
      Ultimo consiglio: se trovi un agente di commercio fai attenzione se ha mandati con altre aziende... in questo caso il mandato non deve essere in esclusiva e l'altra azienda mandante deve operare in un settore diverso... se non è così lui rischia di avere grane e di conseguenza anche tu.
      Fabio

      Comment


      • #4
        Grazie Fabio, preciso e immediato!

        (l'ho sempre detto che i "Fabio" sono i migliori )
        Fabio

        -----
        Art&Graph, Genova

        Comment


        • #5
          Originalmente inviato da camfab Visualizza messaggio
          Grazie Fabio, preciso e immediato!

          (l'ho sempre detto che i "Fabio" sono i migliori )
          tieni presente che la mia soluzione è meno dinamica, ma altrettanto legale, in quanto i miei clienti sono negozi con partita iva che comprano e rivendono merce.
          lì non occorre nessun contratto e nessun impegno.

          Comment


          • #6
            Originalmente inviato da sefort Visualizza messaggio
            tieni presente che la mia soluzione è meno dinamica, ma altrettanto legale, in quanto i miei clienti sono negozi con partita iva che comprano e rivendono merce.
            lì non occorre nessun contratto e nessun impegno.
            Infatti è una "bella" soluzione.


            Scusa Sergio, non ho resistito.
            Andrea - Seridea s.a.s. - Torino - www.seridea.it
            Serigrafia - Ricamo - Stampa digitale a ecosolvente e UV - Applicazione a caldo di vinile, borchie, strass
            STAMPA DIGITALE DIRETTA SU ABBIGLIAMENTO

            "Non soffro mai per le mie scelte, in genere sono le sofferenze a portarmi a compiere scelte importanti che devono portarmi ad un miglioramento" Fabio Mex

            Comment


            • #7
              Come dice Fabio ..attenti fate bene i conti...ultimamente ho avuto dei problemi non piccoli con Enasarco...fanno come gli pare,visto anche le condizioni che vertono,non ho paura di dirlo visto che stò facendo un ricorso...con tanto di prove a favore...per ulteriori spiegazioni prego in mp.
              Renzo Anselmi -Publiscreen-Orvieto

              Comment


              • #8
                Se la collaborazione è occasionale e non continuativa, può essere inquadrato come Procacciatore d'Affari. Fino a un certo limite di reddito (suo personale complessivo), che se non sbaglio è di 5.500 euro, il procacciatore può non essere iscritto all'INPS (e comunque lo sarebbe autonomamente di suo e non a carico della ditta mandante).

                Al momento della liquidazione delle provvigioni occorre effettuare una Ritenuta d'Acconto Irpef pari all'11,5 % rilasciando regolare certificazione al procacciatore. Tale ritenuta verrà poi versata dalla ditta mandante con F24, mentre il procacciatore la porterà in detrazione in sede di dichiarazione dei redditi.

                Questo so!

                Comment


                • #9
                  Originalmente inviato da demak62 Visualizza messaggio
                  Se la collaborazione è occasionale e non continuativa, può essere inquadrato come Procacciatore d'Affari. Fino a un certo limite di reddito (suo personale complessivo), che se non sbaglio è di 5.500 euro, il procacciatore può non essere iscritto all'INPS (e comunque lo sarebbe autonomamente di suo e non a carico della ditta mandante).

                  Al momento della liquidazione delle provvigioni occorre effettuare una Ritenuta d'Acconto Irpef pari all'11,5 % rilasciando regolare certificazione al procacciatore. Tale ritenuta verrà poi versata dalla ditta mandante con F24, mentre il procacciatore la porterà in detrazione in sede di dichiarazione dei redditi.

                  Questo so!
                  Abbastanza giusto...
                  La figura del procacciatore d'affari differisce dall'agente di commercio per alcune caratteristiche: il primo può solo segnalare alla ditta mandante i bisogni del potenziale cliente, il secondo può condurre la trattiva di vendita e se fornito di mandato di rappresentanza può anche chiudere i termini della vendita in nome e per conto della ditta mandante (cosa molto rara: in genere se sempre salvo approvazione della ditta mandante).
                  Il procacciatore d'affari è, in linea generale, tenuto all'apertura della partita IVA, all'iscrizione al R.I. ed all'apertura della posizione INPS.
                  Il procacciatore d'affari può evitare suddette iscrizioni se il suo volume d'affari non supera i 5.000 euro/anno e se il suo rapporto è occasionale: per essere considerato occasionale la sua provviggione dovrà far riferimento ad un solo affare/anno altrimenti il rapporto si intende continuativo.
                  Come vedi la questione è abbastanza complessa: resto del parere che è sempre buona norma confrontarsi con il commercialista portando dati certi su cui confrontarsi.
                  Ciao, Fabio

                  Comment


                  • #10
                    Originalmente inviato da Deyo Visualizza messaggio
                    Infatti è una "bella" soluzione.


                    Scusa Sergio, non ho resistito.
                    poi dicono che vado O.T! io!

                    Comment


                    • #11
                      Fabiolex eh he
                      beh io sono un agente di commercio e confermo tutto il riepilogo fiscale e contrattuale riportato nei post di Tarte.

                      ciao


                      PS: E' una vitaccia comunque...
                      ACA Digitale
                      service stampa digitale & incisione

                      Carlalberto Marchesini
                      [email protected]

                      Comment


                      • #12
                        ritiro su questo argomento così non ne apriamo un altro...

                        Quanto sarebbe giusto concedere come provvigioni?!

                        Comment


                        • #13
                          devi calcolare e concordare una scala di provvigioni basata sugli utili. in un'altra vita mi sono capitati dei rappresentanti che pretendevano la provvigione anche sulle vendite al costo!
                          W..aleria...la clava!

                          Comment


                          • #14
                            Agenti di ventita? A parte le grane burocratiche-fiscali-previdenziali-legali, lascio volentieri ad altri il compito di fare "nave scuola"!
                            S.E.A. SERIGRAFIA
                            SIEBDRUCK snc ohg
                            Больцано

                            Comment


                            • #15
                              Originalmente inviato da maybe Visualizza messaggio
                              devi calcolare e concordare una scala di provvigioni basata sugli utili. in un'altra vita mi sono capitati dei rappresentanti che pretendevano la provvigione anche sulle vendite al costo!
                              scusa ma che vendite fai al costo?!
                              10-15-20 % ?!

                              Comment

                              Working...
                              X