Annuncio

Collapse
No announcement yet.

investimento macchina tampografica

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • investimento macchina tampografica

    salve a tutti , vorrei sapere se qualcuno di voi ha per caso acquistato un forno a raggi IR
    dalla ditta GTO DI REGGIO EMILIA, sono qui per concludere l'ordine e vorrei sapere se è un buon prodotto . se è vero che raggiunge i 250° in quanto io in serigrafia stampo su
    alluminio è devo trattarlo ad alte calorie.
    secondo.... devo essicare le magliette stampate a colori ad acqua....
    va bene il sitema raggi IR????
    grazie a attendo almeno una risposta spero ke qualcuno lo abbia in ditta.
    ciao
    Monja

  • #2
    Monia il forno di cui parli non lo conosco anche perchè la GTO la conoscevo meglio per le macchine tampografiche il forno di cui parli è il Jolly?? mi sembra molto simile a quello di Chiossi & Cavazzuti sempre vicino a Reggio.per quel che riguarda l'essicazzione per le maglie l'essicazione IR va bene e non c'è bisogno di arrivare a 250 gr altrimenti li fumi,credo bastino 140/160 gr......ma hai sentito altri produttori di forni???
    Renzo Anselmi -Publiscreen-Orvieto

    Comment


    • #3
      intanto grazie... il forno è proprio il jolly ...Ti dirò che si tratta di un occasione
      è un demo... ho uno sconto pari a € 1.000 (non mi sembra poco)
      e la possibilità di pagarlo a Ottobre/Novembre
      anchio sono un pò scettica....oggi me lo montano in affidamento x 15gg
      poi devo dicidere.....
      Questo è il motivo ke + mi ha spinto a provare!!!
      Spero non sia una Bufala
      Monja

      Comment


      • #4
        Io, senza nulla togliere alla GTO, sentirei Chiossi e Cavazzuti, se non altro per la competenza e disponibilità dello staff, che sapranno consigliarti il prodotto adatto alle tue esigenze. I loro prodotti sono di qualità indiscussa e sono specializzati proprio in quel tipo di prodotto.
        Andrea - Seridea s.a.s. - Torino - www.seridea.it
        Serigrafia - Ricamo - Stampa digitale a ecosolvente e UV - Applicazione a caldo di vinile, borchie, strass
        STAMPA DIGITALE DIRETTA SU ABBIGLIAMENTO

        "Non soffro mai per le mie scelte, in genere sono le sofferenze a portarmi a compiere scelte importanti che devono portarmi ad un miglioramento" Fabio Mex

        Comment


        • #5
          Io uso da anni i forni Chiossi e Cavazzuti e sono tra i migliori in commercio(lo dico dopo averne cambiati parecchi, tra quelli che mi bruciavano le maglie a quelli che non me le asciugavano...).Se quelli di GTO, come dicono, raggiungono i 250° bisognerebbe capire se è riferito alle piastre o quando arriva il calore alla maglia, perchè i nostri forni, normalmente li regoliamo a 400° e sul tessuto ne arrivano 160°, l'ideale per asciugare i plastisol.Per gli inchistri all'acqua ti servirebbe piuttosto un forno combinato ir + circolazione d'aria forzata.
          La nostra paura del peggio è più forte del nostro desiderio del meglio.

          Comment


          • #6
            Se il forno è il Jolly, che ho visionato sul sito, mi sembra decisamente piccolo per qualsiasi esigenza di asciugatura tessile, comunque leggo che a Monia lo lasciavano in prova e quindi saprà darci lei informazioni più concrete.
            Giusto per la statistica, anch'io uso Chiossi&Cavazzuti.

            Domanda: ma il forno IR va bene anche per asciugare inchiostri bi-componenti stampati su metallo?
            Non ho mai provato...

            Comment


            • #7
              Originalmente inviato da demak62 Visualizza messaggio
              Se il forno è il Jolly, che ho visionato sul sito, mi sembra decisamente piccolo per qualsiasi esigenza di asciugatura tessile, comunque leggo che a Monia lo lasciavano in prova e quindi saprà darci lei informazioni più concrete.
              Giusto per la statistica, anch'io uso Chiossi&Cavazzuti.

              Domanda: ma il forno IR va bene anche per asciugare inchiostri bi-componenti stampati su metallo?
              Non ho mai provato...
              rispondo ora ke ho un pò di tempo

              l'ho acquistato diciamo che come secondo forno di supporto và benissimo
              raggiunge perfettamente i 280° l'essicazione su pannelli lamiera verniciata
              a polvere epossilica e trattamento a forno tengono benissimo anche solo dopo
              un ora averlo stampato.
              io stampo con Epocat due componenti.Da non sottovalutare ladimensione della
              stampa un bel negativo da 1.40x0.65
              la maglie n cotone le stampo solo con colori ad acqua no i gommati, non mi sono mai piaciuti (non hanno una buona tenuta nel tempo-troppo delicati ai
              lavaggi) i qui vado circa 110° /140°
              tutto bene
              sono riuscita anche ad asciugare del pvc polyestere finissimo stampato in serigrafia senza ritrovarmi con arriciature particolori alla carta .
              direi che sono contenta.
              Monja

              Comment


              • #8
                Originalmente inviato da monia recchia Visualizza messaggio
                la maglie n cotone le stampo solo con colori ad acqua no i gommati, non mi sono mai piaciuti (non hanno una buona tenuta nel tempo-troppo delicati ai
                lavaggi) i qui vado circa 110° /140°
                Ma sei sicura?
                Io invece stampo il 95% dell'abbigliamento con il plastisol, proprio perché ha una tenuta nel tempo certamente superiore agli inchiostri ad acqua.
                Ed ho maglie che indosso da almeno 10 anni la cui stampa è ancora perfetta.
                Probabilmente hai avuto scarsi risultati in termini di tenuta perché i plastici vanno polimerizzati a temperature decisamente superiori, nell'ordine dei 175 gradi per 15-20 secondi.
                Noi utilizziamo per questa operazione soltanto le termopresse, che lasciano una mano molto più morbida del forno, pur richiedendo una lavorazione più lunga, e non abbiamo nessun problema di tenuta ai lavaggi.
                Anzi, molti nostri clienti ci richiedono espressamente l'uso dei plastici, spendendo di più, proprio per la maggior tenuta e l'aspetto più gradevole.
                Andrea - Seridea s.a.s. - Torino - www.seridea.it
                Serigrafia - Ricamo - Stampa digitale a ecosolvente e UV - Applicazione a caldo di vinile, borchie, strass
                STAMPA DIGITALE DIRETTA SU ABBIGLIAMENTO

                "Non soffro mai per le mie scelte, in genere sono le sofferenze a portarmi a compiere scelte importanti che devono portarmi ad un miglioramento" Fabio Mex

                Comment


                • #9
                  Concordo con Deyo con tutto, solo non capisco come mai usi le termopresse per polimerizzare il colore...Come fai per le grosse quantità?Le passi prima tutte in forno e poi le pressi?
                  La nostra paura del peggio è più forte del nostro desiderio del meglio.

                  Comment


                  • #10
                    Da nostre prove interne su stampe plastisol, devo dire che, ben polimerizzate, hanno resistito anche alla prova "candeggina pura versata sulla stampa"
                    Nonostante ciò, anche noi lavoriamo il 70% delle stampe tessili con inchiostri all'acqua, ma soltanto perché le ragazze del laboratorio sono troppo pasticcione, e le macchie residue di plastisol sparse in giro in ogni dove saltano fuori anche a distanza di giorni...
                    Ultimamente ci stiamo trovando bene con la linea Plastic no dry della KFG: si stampa come un plastisol senza asciugare nel telaio e rimane una mano molto morbida e gradevole al tatto. Ottima tenuta ai lavaggi.

                    Comment


                    • #11
                      Originalmente inviato da leo76 Visualizza messaggio
                      Concordo con Deyo con tutto, solo non capisco come mai usi le termopresse per polimerizzare il colore...Come fai per le grosse quantità?Le passi prima tutte in forno e poi le pressi?
                      Uso solo cappe spot intermedie e finali, poi passo tutto in pressa.
                      Molti clienti vengono da me anche se sono più caro, proprio perché il passaggio in pressa rende la stampa mordida e molto più gradevole al tatto.
                      Addirittura Cavazzuti è venuto personalmente da me, per valutare la cosa e capire se c'è un modo di studiare un forno che abbia una calandra finale o qualcosa del genere.

                      Originalmente inviato da demak62 Visualizza messaggio
                      Da nostre prove interne su stampe plastisol, devo dire che, ben polimerizzate, hanno resistito anche alla prova "candeggina pura versata sulla stampa"
                      Nonostante ciò, anche noi lavoriamo il 70% delle stampe tessili con inchiostri all'acqua, ma soltanto perché le ragazze del laboratorio sono troppo pasticcione, e le macchie residue di plastisol sparse in giro in ogni dove saltano fuori anche a distanza di giorni...
                      Ultimamente ci stiamo trovando bene con la linea Plastic no dry della KFG: si stampa come un plastisol senza asciugare nel telaio e rimane una mano molto morbida e gradevole al tatto. Ottima tenuta ai lavaggi.
                      Confermo la prova candeggina, ed anche quella a 90°.
                      Per le macchie, sono inevitabili: io ho dovuto necessariamente acquistare uno smacchiatore.
                      Uso anche io sempre e solo KFG, anzi, ogni tanto vengono a trovarmi e mi danno spesso i prodotti in anteprima per testarli.
                      Andrea - Seridea s.a.s. - Torino - www.seridea.it
                      Serigrafia - Ricamo - Stampa digitale a ecosolvente e UV - Applicazione a caldo di vinile, borchie, strass
                      STAMPA DIGITALE DIRETTA SU ABBIGLIAMENTO

                      "Non soffro mai per le mie scelte, in genere sono le sofferenze a portarmi a compiere scelte importanti che devono portarmi ad un miglioramento" Fabio Mex

                      Comment


                      • #12
                        Io faccio promozionale e lamaggior parte delle volte mi richiedono stampe ad un colre e coprente e mi trovo bene con i colori Sericol, ho solo l'oro della KFG, ma devo dire che è il più bello che ho trovato in commercio.
                        Per quanto riguarda l'idea di Cavazzuti sarebbe una soluzione niente male.Ugo è un bravo tecnico e ha una squadra in gamba, peccato non ci sia più Luca, mi trovavo meglio a parlare con lui di varie idee e problematiche...
                        Last edited by GPDesign; 05-09-2008, 08:35:35.
                        La nostra paura del peggio è più forte del nostro desiderio del meglio.

                        Comment


                        • #13
                          Originalmente inviato da leo76 Visualizza messaggio
                          peccato non ci sia più Luca, mi trovavo meglio a parlare con lui di varie idee e problematiche...
                          Infatti era lui che è venuto da me.
                          Andrea - Seridea s.a.s. - Torino - www.seridea.it
                          Serigrafia - Ricamo - Stampa digitale a ecosolvente e UV - Applicazione a caldo di vinile, borchie, strass
                          STAMPA DIGITALE DIRETTA SU ABBIGLIAMENTO

                          "Non soffro mai per le mie scelte, in genere sono le sofferenze a portarmi a compiere scelte importanti che devono portarmi ad un miglioramento" Fabio Mex

                          Comment


                          • #14
                            Originalmente inviato da monia recchia Visualizza messaggio
                            rispondo ora ke ho un pò di tempo
                            io stampo con Epocat due componenti

                            Hai mai provato ad usare il Polyscreen della Sericol? Ebbene se gl'inchiostri bicomponenti sono buoni questi è: "MIRACOLOSO"

                            Il processo di catalisi si avvia al contatto con l'aria. NON NECESSITA DI FORNO per dirla in termini poveri.
                            Sul metallo e sul vetro è PRODIGIOSO. Io ero abituato al classico Epoxer, anch'egli bicomponete finchè non provai il Polyscreen... fu amore a prima vista....

                            Per quanto concerne il forno, a mio avviso, hai fatto un buon acquisto, coadiuvato da un forno maggiore è un toccasana per risparmiare energia laddove non occorre chissà quale cilco di produzione oraria.

                            Ad ogni buon fine... BUON LAVORO!

                            Ciao
                            paride
                            serigrafo in san giuseppe ves. na
                            [email protected]

                            "fortiter in re, suaviter in modo"

                            Comment


                            • #15
                              Investimento... macchina tampografica

                              Ciao ragazzi, voglio espandere i prodotti offerti alla mia clientela con l'introduzione della tampografia.

                              Pensavo di inziare con una automatica due colori..

                              cercando nel web e nei cataloghi ho trovato le seguenti ditte:
                              tampograf
                              gto
                              croma
                              tosh

                              qualcuno può darmi consigli in merito?
                              grazie
                              silvio
                              Silvio Rubiola
                              Presspower Snc - Gassino Torinese - Torino
                              indirizzo msn: [email protected]

                              Comment

                              Working...
                              X