Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Connettiamoci con tutte le scuole

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Connettiamoci con tutte le scuole

    Dato che lo spazio del Viscom Makers Campus è destinato al fare, e dato che sarà il punto di connessione con qualsiasi altra entità che gravita nei nostri dintorni, credo sia arrivato il momento di mettersi in prima linea e coinvolgere anche le scuole di grafica, istituti tecnici e tutti gli enti di formazione che riteniate opportuno invitare.

    Abbiamo discusso di questo al Magic Moment, ed è ora di passare all'azione. Nello spazio avremo tutto ciò che vi serve per far vedere alla scuola come le tecnologie e voi artigiani vi siete evoluti. Faremo vedere come connettendosi con il mondo reale si possa dare una grande opportunità di crescita a questi ragazzi.

    I ragazzi vogliono questo, i professori cercano questo. Il vantaggio sarà per tutti ma sopratutto per chi vede lo scopo sociale in questa azione.

    Stiamo preparando una comunicazione ufficiale da inviare o portare a mano alla scuola. Se volete posso parlare io, come Roland, con l'eventuale preside o professore annunciando te come partner per questa azione.

    Portiamoli a Viscom, facciamogli sporcare le mani. Saranno loro a cercarvi dopo aver assaggiato la marmellata.

    Questa azione a Viscom sarà l'inizio di una serie di attività che faremo congiuntamente nel territorio. Alcuni di voi sono già pronti ed hanno già iniziato a fare. Più siamo più possiamo trasformare questo paese in ciò che vorremmo che fosse, partendo dai ragazzi.
    Sapere, Fare, Saper Fare, Far Sapere!
    Giovanni Re
    Community Manager
    ROLAND DG Mid Europe

  • #2
    basta il like al post .... non servono commenti .... lo sai!!!!
    La crisi è la migliore benedizione che può arrivare a persone e Paesi, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dalle difficoltà nello stesso
    modo che il giorno nasce dalla notte oscura. E’ dalla crisi che nasce l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera se stesso senza essere superato. Chi attribuisce alla crisi i propri insuccessi e disagi, inibisce il proprio talento e ha più rispetto dei problemi che delle soluzioni. La vera crisi è la crisi dell’incompetenza.

    io non ho paura

    Buon anno, ragazze e ragazzi, buon anno di solo cose belle.

    Comment


    • #3
      Io ci sono...
      Noi non vendiamo latte, pane, uova,
      farina o pasta. Noi produciamo idee, colori, sensazioni ed emozioni.
      Cose utili, uniche, fantastiche ed irripetibili!
      (cit. Renzo Anselmi)

      Tutto intorno a noi è in continua evoluzione e molti sono lì ad aspettare... cosa?
      Cambiate! Abbiate il coraggio di farlo! Non esiste nulla, nessun problema, che può limitare la
      vostra capacità di trasformare qualsiasi sogno in realtà.
      Quindi sognate, sognate pure, sognate tanto, ma dopo svegliatevi e costruite il vostro
      cambiamento!
      (cit. Fabio Tarte)

      FIRST di Spaziani A.
      Roma - Cesena
      http://www.first2051.it
      ROLAND GX24

      Comment


      • #4
        ci sono anch'io, visto che il mio "Paolino" inizia oggi proprio dagli Artigianelli di Milano, anche se loro sono molto HP dipendenti
        Valeria

        morganti srl
        stampa - fotografia - grafica
        milano
        www.morgantimilano.it

        Comment


        • #5
          Bellissima proposta..... Bravo Giovanni Giova 4 presidente della Repubblica!!!!!!!!!
          Uff. Grafico
          Manuel
          ----------------------------------------------
          Emmea Trade & Service s.r.l.
          Via A. Cimatti, 8/b - 47010 GALEATA (FC)
          Tel. 0543.975008 - fax 0543.981251
          Grafico : [email protected]
          Mail: [email protected]
          Internet : www.emmea.it

          Comment


          • #6
            Mi piace, contatti tu la facoltà di architettura "ValleGiulia" e la "L.Quaroni" di Roma? Connettere futuri architetti con noi che lavoriamo nel settore della riqualificazione è fondamentale e possibile studio con plotter e modellatori 3D importanti per modellini realistici con finiture stampate di texture fotografiche. Ovvio che li posso seguire anche io i tizi in zona.
            "Stay Hungry Stay Foolish"
            "Siamo realisti, esigiamo l'impossibile
            "

            Comment


            • #7
              Non so se già ne ho parlato prima, in caso mi ripeterò. Ogni anno, qui in Asterisco, facciamo entrare degli stagisti che provengono da scuole di grafica pubblicitaria della zona; sto parlando di ragazzi del quarto e quinto anno, quindi in fase di una probabile entrata nel mondo del lavoro (poiché l'università non tutti se la potranno permettere in futuro...).
              Orbene avete mai provato a chieder loro che cosa sia una mazzetta Pantone? Rimarrete stupiti. Oppure da dove partire per creare, ad esempio, un logo di un'azienda? Rimarrete ulteriormente stupiti.
              Ma porcadiquellasbomballata è mai possibile che per cinque anni 'sti poveri disgraziati non facciano altro che studiare testi di base e fare cose antidiluviane? Ma quelle fagliele fare dal primo al terzo, ma dal quarto al quinto fagli FARE e non solo pensare di fare!
              Cavoli, qui bisogna oliare questi ingranaggi ormai vecchi! Finito il quinto anno di scuola questi devono sapere come far funzionare una stampante digitale, un plotter da taglio, una fresa, un taglio laser, sapere cos'è un qr-code, una grafica anamorfica, un programma di renderizzazione 3D, un CCD, Arduino, utilizzare un programma di grafica vettoriale, uno di fotoritocco, utilizzare la fotocamera digitale...tutto a livello professionale! Poi se vuoi approfondire e diventare sviluppatore di nuovi macchinari e nuove tecnologie ti vai a fare l'università, ma intanto sei già pronto a lavorare, cavolo!
              Non ci vorrebbe nulla, solo togliere i paraocchi da sistemi di insegnamento che si basano ancora sulla discriminazione maschio/femmina, su tecniche di insegnamento ormai andate ed obsolete, su burocrazie inutili derivanti dall'amore patologico dell'italiano per il posto fisso...posso continuare....
              Il coraggio senza la paura è solamente incoscienza.

              Comment


              • #8
                Max io mi trovo esattamente nella stessa situazione con ogni stagista e faccio sempre le stesse tue considerazioni ... purtroppo!!!

                proprio per questo avevo pensato un mini laboratorio sul WOW da proporre alle scuole superiori della mia zona!!!

                Nicola
                La crisi è la migliore benedizione che può arrivare a persone e Paesi, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dalle difficoltà nello stesso
                modo che il giorno nasce dalla notte oscura. E’ dalla crisi che nasce l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera se stesso senza essere superato. Chi attribuisce alla crisi i propri insuccessi e disagi, inibisce il proprio talento e ha più rispetto dei problemi che delle soluzioni. La vera crisi è la crisi dell’incompetenza.

                io non ho paura

                Buon anno, ragazze e ragazzi, buon anno di solo cose belle.

                Comment


                • #9
                  Originalmente inviato da maxpetrignani Visualizza messaggio
                  Non so se già ne ho parlato prima, in caso mi ripeterò. Ogni anno, qui in Asterisco, facciamo entrare degli stagisti che provengono da scuole di grafica pubblicitaria della zona; sto parlando di ragazzi del quarto e quinto anno, quindi in fase di una probabile entrata nel mondo del lavoro (poiché l'università non tutti se la potranno permettere in futuro...).
                  Orbene avete mai provato a chieder loro che cosa sia una mazzetta Pantone? Rimarrete stupiti. Oppure da dove partire per creare, ad esempio, un logo di un'azienda? Rimarrete ulteriormente stupiti.
                  Ma porcadiquellasbomballata è mai possibile che per cinque anni 'sti poveri disgraziati non facciano altro che studiare testi di base e fare cose antidiluviane? Ma quelle fagliele fare dal primo al terzo, ma dal quarto al quinto fagli FARE e non solo pensare di fare!
                  Cavoli, qui bisogna oliare questi ingranaggi ormai vecchi! Finito il quinto anno di scuola questi devono sapere come far funzionare una stampante digitale, un plotter da taglio, una fresa, un taglio laser, sapere cos'è un qr-code, una grafica anamorfica, un programma di renderizzazione 3D, un CCD, Arduino, utilizzare un programma di grafica vettoriale, uno di fotoritocco, utilizzare la fotocamera digitale...tutto a livello professionale! Poi se vuoi approfondire e diventare sviluppatore di nuovi macchinari e nuove tecnologie ti vai a fare l'università, ma intanto sei già pronto a lavorare, cavolo!
                  Non ci vorrebbe nulla, solo togliere i paraocchi da sistemi di insegnamento che si basano ancora sulla discriminazione maschio/femmina, su tecniche di insegnamento ormai andate ed obsolete, su burocrazie inutili derivanti dall'amore patologico dell'italiano per il posto fisso...posso continuare....
                  Io è da almeno due Viscom che dico ciò.
                  Al Campus di due anni fa ero sommerso di ragazzini dei vari istituti d'arte etc..., volevano farsi la maglia. Bene allora partivo a raffica dando per scontato i vettoriali per poi passare subito al plotter (almeno li smaltivo in poco tempo). All'apertura di Corel o Illustrator e dopo i più elementari passaggi, li trovavo che mi guardavano come se avessi fatto un numero di alta scuola, a quel punto la,domanda sorgeva spontanea: ma non utilizzate questi programmi? risposta: al massimo usiamo photoshop una o due ore a settimana il resto teoria. Mi son cadute le braccia. Stesso discorso quando gli ho mostrato il qrcode, "sapete cos'è?" mi avranno risposto in tre su venti. La scuola in Italia ormai è diventata un parcheggio per ragazzi, infatti se un professore mette 4 ad un alunno, il genitore non s'incacchia più con il figlio ma prende di petto il professore. Figurati tu se un precario, che l'anno dopo non saprà se insegnerà ancora, si prenderà mai l'obbligo morale di far veramente studiare i ragazzi? Tutti promossi e via andare, sai cosa gli frega del futuro di quei ragazzi se il suo è incerto? Tristezza...
                  Noi non vendiamo latte, pane, uova,
                  farina o pasta. Noi produciamo idee, colori, sensazioni ed emozioni.
                  Cose utili, uniche, fantastiche ed irripetibili!
                  (cit. Renzo Anselmi)

                  Tutto intorno a noi è in continua evoluzione e molti sono lì ad aspettare... cosa?
                  Cambiate! Abbiate il coraggio di farlo! Non esiste nulla, nessun problema, che può limitare la
                  vostra capacità di trasformare qualsiasi sogno in realtà.
                  Quindi sognate, sognate pure, sognate tanto, ma dopo svegliatevi e costruite il vostro
                  cambiamento!
                  (cit. Fabio Tarte)

                  FIRST di Spaziani A.
                  Roma - Cesena
                  http://www.first2051.it
                  ROLAND GX24

                  Comment


                  • #10
                    forse bisogna analizzare le singole scuole, certo è che mi arrivano studenti da IED o politecnico, dove dovrebbero usare ndd - psd - ai, che non sanno nemmeno dove girarsi, come vi ho detto mio figlio ha appena iniziato un percorso "professionale" vedremo dove lo porteranno......
                    Valeria

                    morganti srl
                    stampa - fotografia - grafica
                    milano
                    www.morgantimilano.it

                    Comment


                    • #11
                      Sto discutendo adesso con degli amici che si occupano di fornire servizi alle scuole. Loro lavorano in tutto il territorio italiano ed hanno una grande competenza in questo mondo a noi oscuro.
                      Ci dicono che servono progetti. Alla base di tutto c'è un progetto che parta anche da voi. Da ciò che potete offrire alla scuola.
                      Concentriamoci sugli istituti tecnici professionali e istituti d'arte.

                      La domanda è semplice:
                      "Cosa insegnereste e quali attrezzature consiglieresti a tuo figlio che si è iscritto ad una di quelle scuole?"

                      Non sempre l'ultima tecnologia vince, anzi la semplicità e l'immediatezza operativa è la chiave di questo successo.
                      Parlo di Episcopi, telai serigrafici, per arrivare ad Arduino passando da un plotter Roland.
                      Per esempio per fare modellazione 3D devi iniziare dalla creta. Scansionare con David LaserScanner e poi fresare con una iModela. Questo funziona. Questo è ciò che vogliono.
                      Sapere, Fare, Saper Fare, Far Sapere!
                      Giovanni Re
                      Community Manager
                      ROLAND DG Mid Europe

                      Comment


                      • #12
                        da qualche anno sono uscito dall'ITI di Pisa, e questo me lo ricorda spesso mia figlia facendomi notare qualche filo di capelli bianchi....
                        ma mi ricordo benissimo che pur essendo un perfetto teppista, le materie che mi piacevano e con i professori giusti, ero molto attento.
                        sono stato tra i primi 15 dell'istituto a partecipare al corso di programmazione in pascal, per usare la fresa a controllo numerico computerizzato.
                        e i 15 partecipanti eravamo ultra arrap.... per l'evento e specialmente quando la fresa si è mossa come noi volevamo...
                        subito dopo il diploma, grazie ad un corso della regione toscana sono stato tra i primi 20 in toscana a prendere il diploma di programmatore su macchine utensili computerizzate, ma quando ne parlavo mi guardavano come fossi un marziano con sembianze umane.
                        io penso che con la tecnologia di oggi proporre ad un istituto tecnico, progetti di lavorazione con frese e plotter dovrebbe essere molto emozionante per loro, anche perchè se noi si lavorava poco con le mani a quanto pare oggi lavorano ancora meno.
                        la prossima settimana se trovo un'ora prima di venire al visco, provo a passare dalla mia vecchia scuola a sentire cosa stanno facendo, e poi vi riferisco.

                        david
                        la professionalità si vede dai clienti

                        Comment


                        • #13
                          Al Campus del Viscom 2009, Alessandro ed io siamo stati praticamente sequestrati da orde di studenti di arti grafiche, che non avendo mai visto un plotter da taglio all'opera, restavano entusiasmati e vagamente inebetiti davanti alle potenzialità offerte da una tecnologia tanto "semplice".
                          Il nostro sconforto nasceva quando, invitandoli a creare la propria grafica da intagliare, risultavano impacciati davanti ai più comuni software grafici.
                          Si lamentavano moltissimo del fatto che a scuola gli insegnassero molta teoria e pochissima pratica, e si rendevano perfettamente conto di quanto erano inadeguati ad affrontare un futuro lavorativo nel nostro settore. Alcuni addirittura si sono offerti di venire nelle nostre aziende a fare stage per imparare.
                          Per me bisogna lavorare su questo, coinvolgendo i professori e gli studenti in attività pratiche e facendo loro capire che certi strumenti non sono fini e se stessi.
                          Abbiamo il supporto dei maggiori esperti di software grafici, abbiamo le macchine e i tecnici, abbiamo la nostra esperienza e la voglia di condividerla.
                          Secondo me non ci manca niente, dobbiamo solo stendere un programma e iniziare a proporlo.
                          Last edited by Deyo; 29-09-2012, 11:10:26.
                          Andrea - Seridea s.a.s. - Torino - www.seridea.it
                          Serigrafia - Ricamo - Stampa digitale a ecosolvente e UV - Applicazione a caldo di vinile, borchie, strass
                          STAMPA DIGITALE DIRETTA SU ABBIGLIAMENTO

                          "Non soffro mai per le mie scelte, in genere sono le sofferenze a portarmi a compiere scelte importanti che devono portarmi ad un miglioramento" Fabio Mex

                          Comment


                          • #14
                            hai centrato in pieno lo svopo del progetto.
                            A viscom faremo una sorta di piano operativo e partiremo con questo progetto. Sto cercando di mettermi in contatto con il ministro Profumo per dare alla una valenza nazionale e avere un canale di apertura nelle scuole. Anche se credo tantissimo nel coinvolgimento diretto come ha giustamente indicato Pippolilli.
                            Sapere, Fare, Saper Fare, Far Sapere!
                            Giovanni Re
                            Community Manager
                            ROLAND DG Mid Europe

                            Comment


                            • #15
                              perfetto, Giovanni sai da quanto tempo abbiamo in caldo l'idea del temporary lab e dei "corsi" da noi!!!
                              La crisi è la migliore benedizione che può arrivare a persone e Paesi, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dalle difficoltà nello stesso
                              modo che il giorno nasce dalla notte oscura. E’ dalla crisi che nasce l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera se stesso senza essere superato. Chi attribuisce alla crisi i propri insuccessi e disagi, inibisce il proprio talento e ha più rispetto dei problemi che delle soluzioni. La vera crisi è la crisi dell’incompetenza.

                              io non ho paura

                              Buon anno, ragazze e ragazzi, buon anno di solo cose belle.

                              Comment

                              Working...
                              X