Annuncio

Collapse
No announcement yet.

esperienze positive e negative con fornitori e commerciali

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • #16
    Delfinista, sono dispiaciuto del tuo sfogo...che in parte (la prima) condivido perchè anche a me successe la stessa cosa dopo la'cquisto proprio del GX24. Però trovai l'occasione di parlare direttamente alla Roland e non al Dealer e sistemai il tutto. Perchè le nostre lamentele sono importanti, in quanto vanno a svelare quei piccoli problemi e disservizi che i dealer creano e che Roland non sempre ne viene a conoscenza.
    Per quanto riguarda la parte A/T e Viscomlab è tutto migliorabile sicuramente. Ma dobbiamo pensare che era pure la prima volta che si veniva a creare un tale progetto, quindi delle pecche ci potevano sicuramente stare, in parte anche dovute alla nostra magari non puntualità nel consegnare i lavori (io per primo)!
    Invece per quanto riguarda la parte "Risorse Umane", quello che mi dici mi risulta un po strano. Io oltre a fare parte del discorso ViscomLab mi era stato chiesto anche di essere di aiuto ai tecnici proprio nell'area GX24-Strass-Incisoria. Forse deve essere stato proprio un momento in cui mi sono assentato, il momento in cui è avvenuto tutto ciò che hai raccontato. Perchè ti posso assicurare e ti parlo da AT e soprattutto da cliente come te, che per quanto riguarda i tecnici che erano nell'area citata sono state delle persone affabili e disponibilissime con tutti anche di fronte alle richieste più assurde. Tu hai fatto bene a tirar fuori il problema e farlo presente, però permettimi almeno di "salvare" coloro con cui sono stato a stretto contatto per tutta la durata della fiera, perchè è bene anche salvaguardare chi il suo lavoro lo svolge impeccabilmente!
    Comunque se hai ancora qualche perplessità riguardo il GX-24, io nelle mie possibilità sono disponibile a rispondere alle tue domande.
    Saluti
    Noi non vendiamo latte, pane, uova,
    farina o pasta. Noi produciamo idee, colori, sensazioni ed emozioni.
    Cose utili, uniche, fantastiche ed irripetibili!
    (cit. Renzo Anselmi)

    Tutto intorno a noi è in continua evoluzione e molti sono lì ad aspettare... cosa?
    Cambiate! Abbiate il coraggio di farlo! Non esiste nulla, nessun problema, che può limitare la
    vostra capacità di trasformare qualsiasi sogno in realtà.
    Quindi sognate, sognate pure, sognate tanto, ma dopo svegliatevi e costruite il vostro
    cambiamento!
    (cit. Fabio Tarte)

    FIRST di Spaziani A.
    Roma - Cesena
    http://www.first2051.it
    ROLAND GX24

    Comment


    • #17
      Ciao Felice. Da quanto leggo l'avventura che hai passato, a discapito del tuo nome, non è stata altrettanto. Da quanto ho letto sembrerebbe uno di quei sogni che all'improvviso si trasformano in incubi. Succede. Ma qui non siamo certamente in un aula di un tribunale, ed una testimonianza l'abbiamo sentita; mi piacerebbe sentire ora anche l'altra "campana". Certo è che andrebbe soppesato il momento dell'accaduto, le persone coinvolte, la "reale" situazione creatasi intorno a te. Reale si, poichè il tuo lato emotivo potrebbe essere già stato alterato dall'intervento del primo di quella serie di "incompetenti" (da come vengono dipinti dal tuo racconto) e per questo averti, come dire, appannato la vista. Mi sembra un comportamento che dei veri professionisti non avrebbero mai adottato, specialmente in fiera, dove tutti mettono il proprio essere al massimo.
      Mumble...mumble....
      E poi perchè andarsene così ed arrendersi subito? C'erano degli artigiani altamente tecnologici che ti stavano aspettando dall'altra parte di quella bianca parete...degli artigiani che, come te, avrebbero potuto risponderti probabilmente meglio di un venditore....
      C'erano gli splendidi ed impeccabili Ettore e Andrea alla "reception" (che spero saranno nominati receptionists ufficiali per i prossimi incontri A.T.), che di nozioni tecniche ne hanno da vendere...ma non erano gli unici due. Avrebbero potuto indirizzarti verso altri colleghi più preparati. Con molta probabilità avresti avuto le tue informazioni, divertendoti e conoscendo altre persone che hanno avuto, hanno o avranno questo tipo di problemi...
      Perchè limitarsi solo al proferire impressioni di probabili e sgomenti stupri del lato umano di un tecnico o di un venditore che, in quel momento, si presume stia utilizzando il massimo della propria professionalità?
      Arimumble...mumble....
      O c'è qualcosa che sfugge alla mia logica razionale e quindi devo darti atto dell'accaduto aspettando risposte da parte di Roland, oppure hai veramente passato un attimo di aberrazione del raziocinio di alcune persone che, molto probabilmente, avevano i cog....i pieni dalle continue ed assillanti domande di persone, che erano lì solamente per romper loro quei preziosi contenitori...
      Resterò sintonizzato.
      Il coraggio senza la paura è solamente incoscienza.

      Comment


      • #18
        Tutto il mondo è paese

        Leggendo attentamente il post di Delfinista e tutti i successivi, come non dare ragione a tutti.
        Noi abbiamo scelto Roland da sempre su tutte le altre per come tiene i corsi, per il rapporto calorosamente umano, per il coinvolgimento emotivo eppure anche a noi è capitato un disservizio simile il venerdì però poi recuperato il sabato e analizzando ora la motivazione, l'unica giustificazione adducibile è purtroppo la frenesia e quell'attimo di insopportazione che in una fiera di tre giorni, con un marasma di gente che ti assale di domande ci può anche stare, visto poi che al secondo tentativo fatto il sabato, con meno calca nell'area pub e un po' più di tranquillità abbiamo ottenuto tutte le delucidazioni richieste.

        Stesso disservizio è capitato presso altri stand, addirittura da uno siamo andati via dopo aver aspettato 30 minuti, poichè appena iniziato un discorso lo standista con naturalezza ha interrotto la dimostrazione con noi e si è messo a ridere e scherzare con un suo vecchio cliente.

        In molti stand venerdì si avvertiva un'aria di tensione che potrebbe aver influito sui rapporti umani.

        Ci siamo chiesti quale sia lo scopo del post di Delfinista?
        Credo che tutti partiamo a spada tratta a giustificare e/ o a tentare in qualche modo di discolpare qualche neo che c'è stato, ma è logico che ci fosse e proprio Roland ci ha insegnato a parlarci e confrontarci sprendendo delle personali riflessioni come spunti per migliorare.

        Da supervisore è capitato infinite volte di subire critiche (personalmente condivise o meno) ma tutti insieme con Roland in primis, si è analizzata ogni cosa fatta presente perchè fosse d'aiuto ad individuare il neo sottoposto.

        Credo che lo scopo del post sia solo questo, far presente qualcosa di migliorabile, perchè come dice Re "se non fai non sbagli".
        Dopotutto Roland stessa pare abbia apprezzato la comunicazione fatta e certamente avrà già provveduto a porre rimedio
        ---------
        tecla- atos-greenfax-
        via f.lli grimm 40 -matera-0835386019-
        www.greenfax.it - [email protected]

        grafica - stampa grandi formati - allestimenti fieristici

        Comment


        • #19
          concordo in pieno quanto detto da greenfax, anche noi siamo capitati in uno stand (non faccio nome perchè non è carino) che vendeva tessuti e banner vari e alla richiesta di informazioni ci ha mollato li' come 2 pirla e se ne è andato per i fatti suoi mollandoci al suo collega che anche lui guardava sconcertato !!

          Comment


          • #20
            Originalmente inviato da pratocopy Visualizza messaggio
            ricordo un trattamento analogo a quello ricevuto dal delfinista ma allo stand c.l.rc.py la scorsa edizione del viscom mi pare, allora cercavo informazioni in merito alla xerox 700 e attendendo il mio turno mi misi in attesa, parlai con un venditore molto gentile e cordiale che per le domande poste preferì rimandarmi al tecnico, allorchè ricordo benissimo come fosse ieri che mi si parò davanti un galletto vestito a festa tipo sfilata di moda, va bene che anche l'occhio vuole la sua parte, ma sembrava davvero appena uscito da una boutique tirato a lucido come un pavone; che chiedendomi la provenienza, e non essendo ovviamente quella del suo operato, mi disse "te ne devi andare", rimasi sconcertato e divertito dell'accaduto non per nulla guardandomi con il mio accompagnatore scoppiai in un energica risata, guardai il suo venditore che sbigottito mi disse "è il titolare"; allora mi domando, con persone così a capo di aziende dove si va?!?!?!?
            poichè di fiere per tenermi aggiornato me ne faccio molte, ho notato che la squadra c.l.r.co.y venditore titolare è sempre la stessa, non è che a stare con lo zoppo si finisce per zoppicare...
            Se per c.l.r.co.y intendi i dealer di BS devo dirti che io con loro, che sono i miei attuali fornitori, mi sto trovando benissssssimo.

            Il tempo e l'esperienza ci insegnano a trasformare le nostre idee in emozioni...

            Comment


            • #21
              Originalmente inviato da Rena Visualizza messaggio
              Se per c.l.r.co.y intendi i dealer di BS devo dirti che io con loro, che sono i miei attuali fornitori, mi sto trovando benissssssimo.
              Mi guarderei bene dal servirmi da chi mi fa concorrenza sleale e addirittura si insinua subdolamente in questo forum cercando di vendere i propri servizi (manifesti stampati laser).
              "Te ne devi andare" scommetto che se eri interessato alla stampamanifesti non ti rispondeva così.
              PUBBLISTAMPA
              Assemini (Ca)

              Non perdere tempo seduto sulla riva del fiume, il cadavere del nemico non passerà mai e i pesci sono scappati!
              https://www.facebook.com/manolo.gallus?fref=ts

              Comment


              • #22
                Originalmente inviato da Manolo Visualizza messaggio
                Mi guarderei bene dal servirmi da chi mi fa concorrenza sleale e addirittura si insinua subdolamente in questo forum cercando di vendere i propri servizi (manifesti stampati laser).
                "Te ne devi andare" scommetto che se eri interessato alla stampamanifesti non ti rispondeva così.
                Non so a cosa ti riferisci... forse è una discussione che non ho seguito...
                Certo è che un loro rappresentante è colui che mi ha precisato che usare le apparecchiature adatte per crearsi i profili di stampa personali è una perdita di tempo che non restituirà mai risultati eccezionali, oltre a provocare un eccessivo consumo di inchiostro, precisando che i consumi di inchiostro non potevano essere superiori alle cifre irrisorie che indicava e che loro sono gli unici detentori della verità grazie alle centinaia di macchine installate in giro per l'Italia.
                Meno male che esistono loro... altrimenti noi come faremmo?

                Comment


                • #23
                  "Te ne devi andare" è la frase che hanno rivolto all'amico Pratocopy quando hanno saputo che non era della zona di loro competenza.
                  PUBBLISTAMPA
                  Assemini (Ca)

                  Non perdere tempo seduto sulla riva del fiume, il cadavere del nemico non passerà mai e i pesci sono scappati!
                  https://www.facebook.com/manolo.gallus?fref=ts

                  Comment


                  • #24
                    Purtroppo,dopo molte edizioni, quest'anno non sono venuto al viscom e me ne dispiace. La considerazione che faccio è che gli incontri segnano comunque il nostro cammino. Anni fa ero in procinto di comprare il mio primo plotter da stampa, le macchine in ballo erano due e diversissime il pc600 di roland (mi sembra la sigla giusta) e l'hp 5500. Andai ad un openhouse di due società una che vendeva, e vende, materiali e una che vende macchine. mi misi in fila e aspettai il mio turno al che cominciai a parlare con il titolare che dopo pochissimi minuti all'arrivo di un altro potenziale cliente più importante di me si girò senza salutarmi e se ne andò. Secondo voi che macchina ho comprato io? E lo stesso venditore che mi ha venduto il 5500 mi ha poi venduto nell'ordine una pressa, una stampante oki 9300 con vari optional, una calandra a caldo, due taglerine un plotter seiko 64s e tanto altro compreso il materiale di consumo e sopratutto non ho voluto più sentir parlare di Roland. Ho cambiato idea in seguito a due fatti: 1)il materiale di consumo per il solvente non mi convicieva più e ho adotato un materiale rivenduto da un dealer Roland con la quale sono quindi rientrato in contatto 2)avendo bisogno di uno stampa e taglio insieme a mia sorella si comprò un SP300 e li ho visto come roland assiste anche i bambini piccolini (intesi come plotter).
                    Questo solo per dire che la cura del cliente non solo finalizzata alla vendita produce comunque un ritorno economico perche è comunque il soldo (che ci piaccia o meno) che fà andare avanti questo baraccone (inteso come mondo). Un saluto a tutti e tanto rimpianto per milano Ciao

                    Comment

                    Working...
                    X