Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Aiuto applicazione traslucent su pannello insegna

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Aiuto applicazione traslucent su pannello insegna

    salve

    volevo sapere cosa usate per applicare il traslucent su pannello di un'insegna luminosa.

    usate acqua o qualcos'altro?

  • #2
    Originalmente inviato da STUDIOHD Visualizza messaggio
    salve

    volevo sapere cosa usate per applicare il traslucent su pannello di un'insegna luminosa.

    usate acqua o qualcos'altro?
    noi siamo per i metodi "antichi"... acqua
    Mauro
    2m Pubblicità

    Comment


    • #3
      Grazie per avermi risposto, pui gentilmente spiegare il tuo procedimento, per queste applicazioni. grazie

      Comment


      • #4
        Io specialmente se lamino senza calandra aggiungo un pizzico di sapone che facilita la rimozione di eventuali bolle, è un attimo che ne sfugge una e poi per toglierla e l'adesivo ha gia ancorato si rovina la stampa dove ''passa'' la bolla per uscire...

        Invece per l'applicazione sulla lastra puoi usare solo acqua tranquillamente....

        Poi per l'applicazione puoi fissare la stampa sulla lastra , fermandola a meta, togli il lainer sulla prima metà e la incolli, poi passi alla seconda
        Sc540 ColorRip

        Comment


        • #5
          Io sono anni che applico prespaziati ed ora stampe su plex opalino retroilluminato. Il mio metodo è e sarà ancora quello di bagnare con acqua e sapone sia la lastra che la stampa o prespaziato. Scivola che è una meraviglia, si asciuga sempre spatolando via l'acqua, aspettando qlc minuto prima di togliere l'eventuale application.
          A secco rimangono sempre delle piccole bollicine che per un pignolo come me non piacciono per niente.
          Saluti.
          www.neoncrea.it
          [email protected]
          La piu' antica fabbrica d'italia di INSEGNE LUMINOSE.

          Comment


          • #6
            Originalmente inviato da NeonCrea Visualizza messaggio
            A secco rimangono sempre delle piccole bollicine che per un pignolo come me non piacciono per niente.
            Saluti.

            Quoto, c'e chi non ne fa, ma prima di finire un semplice prespaziato da 100cm invecchia di qualche mese
            Sc540 ColorRip

            Comment


            • #7
              quindi mi consigli di spruzzare acqua e sapone sul supporto di plastica? e poi passare con la spatola?

              Comment


              • #8
                Segui quanto detto,ma se una volta tolto(se usato) l'Applicatio-Tape e devi ancora spatolare,usa l'accortezza di bagnare e proteggere la spatola(anche se è con il feltro)con un panno umido per evitare di rigare la laminatura o la stampa.
                Renzo Anselmi -Publiscreen-Orvieto

                Comment


                • #9
                  Personalmente trovo che questo tipo di lavorazione, fatta a bagnato (solo acqua, il sapone non lo uso mai) lasci più bolle che se fatta a secco.
                  Se il problema sono le bolle, qualcosa non mi torna, molti di noi qui fanno decorazioni parziali o totali di automezzi (wrapping) con ottimi risultati (escludiamo i materiali easy apply e bubble free), quindi applicazioni su pannelli piani devrebbero essere una delle cose più semplici da fare...o forse sbaglio? Con una buona tecnica e manualità si può stendendere qualsiasi tipo di adesivo prespaziato o non senza grossi problemi e più velocemente, le bollicine (e qui bisognerebbe aprire un dibattito sulla loro dimensione) se intese come micro scompaiono dopo due giorni di ritiro e dilatazione del materiale al sole, se invece sono più grandi allora l'oparatore a sbagliato qualcosa, è avanzato troppo con la spatola o non l'ha tenuta in mano nel modo giusto.
                  A meno che qualcosa non mi sfugga...e lo chiedo a Neon Crea che di pannelli in plex penso se ne intendi parecchio.
                  Wrappatori sull'orlo di una crisi di nervi...

                  Comment


                  • #10
                    Per l'applicazione sia di stampe che di prespaziato io non sono mai riuscito a stenderlo senza acqua in maniera accettabile. Ritornando alla mia pignoleria, l'acqua e sapone credo che rimangono la soluzione migliore per applicare. Io spruzzo acqua e sapone in entrambe le superfici, sia su materiale sia su supporto. A secco, credo che potrebbe essere o una questione di culo, o una questione di tipo di materiale usato. Opto per entrambi le ipotesi. Io non ho mai wrappato, ma credo che applicare una stampa a secco sia piu facile che un prespaziato, visto che la stampa la si puo anche staccare e riapplicare, ma il prespaziato se sbagli soprattutto con delle lettere diventa difficile riposizionarle con cura! Chiaramente con determinate bollicine esiste il metodo forellino, ma nel tempo credetemi che sto cosidetto "forellino" diventera un "forellone"! A presto.
                    www.neoncrea.it
                    [email protected]
                    La piu' antica fabbrica d'italia di INSEGNE LUMINOSE.

                    Comment


                    • #11
                      Mah pero non si mette in conto la velocità di applicazione con metodo bagnato saponato?

                      Io bagno , posiziono, spatolo, passo un panno per togliere l'acqua prima che lasci aloni di calcare e vado a fare altri lavori, qualche ora dopo torno, rifilo e consegno il lavoro.

                      Anche adesivi da 3x1,5 metri una persona gli installa senza difficolta, pure pannellizzando un cartello cantiere da 6x3

                      Installare a secco un insegna molto lunga è un lavoro eterno, specialmente se si ha paura di lasciare bolle, e nel caso che se ne vanno consegnare al cliente un lavoro cosi a me non piace, perche purtroppo i tempi stringono sempre e il lavoro lo si fa poco prima della consegna al 90% dei casi

                      Se ci va una porcheria a secco si vede il rilievo, se lo faccio ad acqua o scivola via o rialzo e pulisco

                      Io il metodo asciutto lo considero valido solo nel caso di termoformatura del vinile e sol operche se no si rialza a vita
                      Last edited by Andre80; 03-08-2009, 20:14:11.
                      Sc540 ColorRip

                      Comment


                      • #12
                        Originalmente inviato da NeonCrea Visualizza messaggio
                        credo che applicare una stampa a secco sia piu facile che un prespaziato
                        No eh!!! Su una superfice piana hai molti meno problemi con un prespaziato che con una stampa...almeno io.
                        Non voglio convincere nessuno, se ci si trova bene con un metodo è giusto andare avanti così, ma penso che sia una questione di tecnica/manualità e a volte non usiamo un altro metodo solo perchè non lo conosciamo. Anni indietro anch'io ho sempre usato l'acqua e per fare un certo tipo di lavoro impiegavo 2 ore, ho sentito parlare di applicazione a secco e di corsi dove apprendere questa tecnica (che non è semplice!), li ho frequentati e ho imparato come va tenuta in mano la spatola e quale direzione e movimento bisogna dargli mentre si applica, metri quadri di adesivo per fare (ovviamente) pratica e ora lo stesso lavoro lo faccio nella metà del tempo.
                        Poi ci sono i casi limite dove è difficile fare altrimenti tipo grandi vetrate da ricoprire integralmente, il sabbiato o i famosi pannelli 3x1.5 di Andrea.
                        Wrappatori sull'orlo di una crisi di nervi...

                        Comment


                        • #13
                          [QUOTE=Pubblig;75249]Personalmente trovo che questo tipo di lavorazione, fatta a bagnato (solo acqua, il sapone non lo uso mai) lasci più bolle che se fatta a secco.
                          Con una buona tecnica e manualità si può stendendere qualsiasi tipo di adesivo prespaziato o non senza grossi problemi e più velocemente, le bollicine (e qui bisognerebbe aprire un dibattito sulla loro dimensione) se intese come micro scompaiono dopo due giorni di ritiro e dilatazione del materiale al sole, se invece sono più grandi allora l'oparatore a sbagliato qualcosa, è avanzato troppo con la spatola o non l'ha tenuta in mano nel modo giusto.

                          anche io penso che con acqua si vada più veloci con il sabbiato e per grandi dimensioni. quando si spatola a secco bisogna avanzare in un senso e pareggiare nel senso inverso tenendo la spatola alla giusta inclinazione e pressione. l'avanzamento in termini di cm è minore che con acqua, ma una volta acquisita la manualità si stende qualsiasi cosa.

                          ciao
                          mirko devicenzi - Oerre snc

                          Comment


                          • #14
                            beh cosi ci siamo, mi sembrava di capire che in ogni caso era meglio metodo a secco....

                            Cmq si per prespaziati vado anche io a secco, ma uso il metodo bagnato se prespaziati di grandi dimensioni come scritte su barche....se c'e ''corposita '' nelle lettere

                            Per i banner sempre a secco
                            Sc540 ColorRip

                            Comment


                            • #15
                              E' bello vedere i diversi modi di operare...
                              Personalmente preferisco di gran lunga il metodo a secco... ed alla fin dei conti non sono mai invecchiato tanto !
                              Il buon Renzo ha dato un condiglio utile: io utilizzo la spatola in feltro e la tengo zuppa d'acqua il che mi consente di spatolare anche su stampe non laminate.
                              Come ricordava Mirko avanzamento lento con tanta pazienza, giusta inclinazione e pressione della spatola, buona distribuzione del materiale che comunque, sotto la spatola, tende a deformarsi durante l'applicazione.
                              Unico handicap dell'applicazione a secco: per i grandi formati è preferibile essere in due!
                              Profitterei della discussione per ricordare che è sempre buona norma verificare che il collante supporti l'applicazione baganta: con le nuove norme che limitano l'utilizzo dei solventi in alcuni campi d'applicazione i collanti non hanno più la stessa aggressività di un tempo e l'acqua rischia di ridurne la capacità di adesione... poi ci si mette qualche simpaticone che con il termine eco-acrilico classifica i collanti ad acqua .
                              Buone applicazioni a tutti...
                              Last edited by Mex; 24-09-2009, 21:29:45.

                              Comment

                              Working...
                              X