Annuncio

Collapse
No announcement yet.

stampa e taglio

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • stampa e taglio

    Buon giorno a tutti,

    volevo sapere, quando per veloccizzare un lavoro, voglio effettuare la stampa ed il taglio nell'immediato
    1) quante etichette è consigliabile mandare alla stampa e taglio(credo dipenda dalla misura e quindi dai tagli che deve effettuare il plotter)
    2) quanto tempo di asciugatura devo dare alla stampa (fino ad ora ho fatto 5 min, ma se servirebbe meno???posso farlo???mi si asciuga sto benedetto materiale???)
    3) e se taglio al vivo, come mi è stato detto, la stampa mi si alza sui lati???

    Diciamo che il materiale preso in considerazione sarebbe un monomerico o polimerico per adesivi o colorprint per maglie.

    Voi che pensate???
    Grazie.

  • #2
    allora, il numero di etichette giustamente dipende dalle dimensioni, io non faccio mai fogli + lunghi di 1 mt circa se il colore non sborda puoi tagliare subito altrimenti meglio aspettare, altrimenti rischi che si alzi il bordo, cerca di convincere sempre il cliente a lascire un bordino bianco di contorno anche 2-3 mm sono sufficienti fai prima e vai tranquillo, altrimenti la cosa migliore secondo i produttori di vinile stampare ed aspettare 24 ore prima di tagliare che dovrebbe essere il tempo necessario per far evaporare il solvente come per la laminazione

    Comment


    • #3
      Per il pvc non è consigliabile tagliare al vivo senza prima far asciugare bene il materiale, ma dipende anche dal tipo di applicazione che andrai a fare.
      In base al "rischio" puoi decidere, come già fai, di inserire una pausa tra stampa e taglio, oppure addirittura tagliare il giorno dopo aver stampato.
      Mi raccomando in ogni caso di settare bene i riscaldatori, è determinante.

      Per il colorprint, se imposti correttamente i valori dei riscaldatori (o meglio ancora usi il profilo specifico siser con i valori già impostati), puoi benissimo tagliare subito dopo la stampa senza nessuna pausa intermedia.
      Io ne faccio chilometri e non ho mai avuto problemi.
      Andrea - Seridea s.a.s. - Torino - www.seridea.it
      Serigrafia - Ricamo - Stampa digitale a ecosolvente e UV - Applicazione a caldo di vinile, borchie, strass
      STAMPA DIGITALE DIRETTA SU ABBIGLIAMENTO

      "Non soffro mai per le mie scelte, in genere sono le sofferenze a portarmi a compiere scelte importanti che devono portarmi ad un miglioramento" Fabio Mex

      Comment


      • #4
        Ciao deyo, allora, di solito stampo e taglio il giorno dopo.
        Anche io non faccio mai fogli più lunghi di un mt, anche se ho avuto lo stesso problemi con l'allineamento dei crocini di registro (un pò il taglio mi si è sfasato, e non ho capito bene il motivo).
        Poi fare un contornino bianco di 2-3 mm non è una cosa che mi piace moltissimo anche perchè appunto, se poi il taglio non va in modo corretto si vede la differnza sui quattro lati, e non è carino da vedere.
        Allora faccio sempre un bordo più marcato, o meglio sbordo con l'inchiostro in modo che poi mi andrà a tagliare la lettera perfettamente, e anche se si decentra un pò, lo sbordo fa in modo che venga un lavoro corretto.
        Ma quali sono i valori corretti dei riscaldatori per il colorprint??
        sapresti indicarmeli???
        E ancora: ma dopo aver stampato, io metto il protettivo......è corretto vero??
        Attendo news.
        Grazie

        Comment


        • #5
          I valori dei riscaldatori consigliati da Siser per il colorprint sono:
          - stampa 40°
          - asciugatura 45°

          Io sul colorprint non ho mai messo nessun protettivo, nemmeno sapevo che esistesse.
          Andrea - Seridea s.a.s. - Torino - www.seridea.it
          Serigrafia - Ricamo - Stampa digitale a ecosolvente e UV - Applicazione a caldo di vinile, borchie, strass
          STAMPA DIGITALE DIRETTA SU ABBIGLIAMENTO

          "Non soffro mai per le mie scelte, in genere sono le sofferenze a portarmi a compiere scelte importanti che devono portarmi ad un miglioramento" Fabio Mex

          Comment


          • #6
            Ma cos'e' sto protettivo? Facci sapere.

            Comment


            • #7
              Il nome del protettivo ancora non lo so, lo devo chiedere al fornitore...comunque è una pellicola trasparente microforata, che come mi ha detto il mio fornitore, si usa per avere maggiore garanzia nel lavaggio.
              Ora poi non so cosa dirvi.......molti mi stanno dicendo che non l'hanno mai usato......boh, oltre a pagarla di più mi fa perdere anche de tempo come potete immaginare.
              Comunque mi informerò bene e vi farò sapere.
              Per quanto riguarda stampa e asciugatura non ho questi valori Deyo, mi hanno fatto inserire dei valori più bassi.....ma ora proverò a cambiarli con quelli che mi hai indicato.
              Entro domani vi dico il nome del protettivo.
              Buon lavoro

              Comment


              • #8
                sul colorprint io uso valori vicini a quelli di Andrea (deyo): 45 - 45
                nessun problema col taglio immediato. applicazione dopo un giorno
                nessun protettivo
                ma ne ho fatti molte miglia meno di Andrea!
                W..aleria...la clava!

                Comment


                • #9
                  nome protettivo

                  Allora, questa mattina ho contattato il mio fornitore per chiedere il nome di questo protettivo, e mi ha detto di attendere in quanto tra poco ne uscirà uno della siser che si intaglia direttamente sulla stampa quando vai in pressa senza dover stampare con crocini, proteggere la stampa, e poi rimettere in macchina per il taglio.....figo eh
                  Sostanzialmente questo protettivo garantisce la tenuta della stampa per lavaggi superiori ad una certa temperatura tipo 50° o più......mentre per le basse temperature non ce nè bisogno....come già fanno la maggior parte di voi.
                  Siccome la stragrande maggioranza dei capi che personalizziamo qui da noi sono abiti da lavoro, e per una maggiore garanzia del prodotto, preferisco usare sto protettivo.
                  Vi farò sapere poi il nome del nuovo in uscita dalla siser.
                  Buon lavoro a tutti.

                  Comment


                  • #10
                    Etichette e laminazione

                    Buon giorno,
                    allora ora la domanda varia un pochino......
                    Volevo sapere, ma se lamino la stampa (vinile monomerico) col doll3200,
                    poi posso rimettere in macchina il lavoro per il taglio??
                    Mi serve una lama apposita o posso tagliare con quella che già monta originariamente il plotter (vp540)????

                    Comment


                    • #11
                      monomerico + doll 3200 lo uso tutti i giorni, taglio con la lama normale con una pressione di 105 gr. velocità da 30 a 60

                      Comment


                      • #12
                        Originalmente inviato da tratto Visualizza messaggio
                        monomerico + doll 3200 lo uso tutti i giorni, taglio con la lama normale con una pressione di 105 gr. velocità da 30 a 60
                        Ok grazie, buono a sapersi...........avevo solo il timore do dover cambiare lama visto quanto costano.............
                        Grazie per la info.......e già che ci siamo........invece per il floccato????
                        La siser consiglia di usare una lama per materiali spessi.....il mio fornitore mi dice di provare con quella che abbiamo in dotazione ad una velocità bassa.......tu che ne pensi???

                        Comment


                        • #13
                          non è il mio campo, so cos'è il floccato ma non l'ho mai usato

                          Comment


                          • #14
                            Originalmente inviato da bricoman Visualizza messaggio
                            .......invece per il floccato????
                            La siser consiglia di usare una lama per materiali spessi.....il mio fornitore mi dice di provare con quella che abbiamo in dotazione ad una velocità bassa.......tu che ne pensi???
                            Consiglio la lama apposita per il flock, che ha un'angolazione più acuta: il floccato è un materiale leggermente più spesso e più morbido del normale termoadesivo.
                            Ascolta il consiglio di Siser...
                            La nostra paura del peggio è più forte del nostro desiderio del meglio.

                            Comment


                            • #15
                              Originalmente inviato da leo76 Visualizza messaggio
                              Consiglio la lama apposita per il flock, che ha un'angolazione più acuta: il floccato è un materiale leggermente più spesso e più morbido del normale termoadesivo.
                              Ascolta il consiglio di Siser...
                              Sicuramente se usi una lama apposita hai meno problemi.
                              In realtà io lo taglio sempre con quella a 45 gradi (120 grammi di pressione e 1 cm/s di velocità) e viene benissimo.
                              Andrea - Seridea s.a.s. - Torino - www.seridea.it
                              Serigrafia - Ricamo - Stampa digitale a ecosolvente e UV - Applicazione a caldo di vinile, borchie, strass
                              STAMPA DIGITALE DIRETTA SU ABBIGLIAMENTO

                              "Non soffro mai per le mie scelte, in genere sono le sofferenze a portarmi a compiere scelte importanti che devono portarmi ad un miglioramento" Fabio Mex

                              Comment

                              Working...
                              X