Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Frese per Roland Mdx-40

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Frese per Roland Mdx-40

    Salve mi chiamo Fabio e lavoro su una Roland Mdx-40

    eseguo lavori di alta precisione ma ho una bassa infarinatura sulle frese da utilizzare, lavoro da autodidatta ma nel bene e nel male ho realizzato dei pezzi molto piccoli (5 mm) con approssimazione ottima.
    Per sono ignorante in generale, ho avuto un approccio pratico e poco teorico.
    Potreste aiutarmi sulle frese ?
    Attualmente realizzo i miei pezzi con le frese della Pokolm voha, a mio avviso molto buone, ma come ho specificato sono ignorante e vorrei capire innanzitutto le frese che utilizzo sono a testa piatta ma posseggo i corrispettivi (per specifiche) a testa tonda. Quali sono le differenze ? Cio i risultati sono diversi ? (credo che la tonda rifinisca meglio ma non so)
    Poi sull'approccio che ho:
    blocco il grezzo di partenza con una morsa, realizzo il pezzo dall'alto nella sua altezza fino alla base, lo giro, lo riblocco nella morsa, piallo fino a far fuoriuscire il lato B (per capirci) e poi eseguo il lato B (sbozzo e rifinisco).
    Non so se mi sono spiegato bene come realizzo i pezzi ma come metodo mi sembra buono, anche il Tecnico Roland cos mi fece vedere.
    Secondo voi va bene come cosa ?
    Mi consigliereste dove acquistare frese buone e simili a quelle che posseggo ? semmai le stesse possibilmente.
    O almeno mi fate capire come sceglierle al meglio ?
    Spero di essermi spiegato bene ma per chiarimenti vi esorto a rispondere al post.


    Grazie mille

  • #2
    Benvenuto Fabio.
    Io ho un egx-350 e abbiamo fatto il corso a San Benedetto a inizio febbraio.
    A saperlo c'era anche qualcu'altro che aveva il tuo modello.
    Si parlato anche di frese, ma poco del Modela ( quello il tuo, giusto?)
    Ho visto dei filmati su youtube e devo dire che una gran macchina, anche se di dimensioni di lavoro ridotte.
    Per quello che ne so, le frese tonde sono per la rifinitura (ne ho ordinata una anche io per l'egx).
    Come sicuramente hai intuito, con una fresa piatta, anche se piccolissima, rimangono sempre degli scalinetti, con quella tonda nella finitura perfetto, soprattutto sulle curve.

    Facci vedere qualcosa che hai fatto, molto interessante la faccenda

    Comment


    • #3
      Originalmente inviato da GPDesign Visualizza messaggio
      Benvenuto Fabio.
      Io ho un egx-350 e abbiamo fatto il corso a San Benedetto a inizio febbraio.
      A saperlo c'era anche qualcu'altro che aveva il tuo modello.
      Si parlato anche di frese, ma poco del Modela ( quello il tuo, giusto?)
      Ho visto dei filmati su youtube e devo dire che una gran macchina, anche se di dimensioni di lavoro ridotte.
      Per quello che ne so, le frese tonde sono per la rifinitura (ne ho ordinata una anche io per l'egx).
      Come sicuramente hai intuito, con una fresa piatta, anche se piccolissima, rimangono sempre degli scalinetti, con quella tonda nella finitura perfetto, soprattutto sulle curve.

      Facci vedere qualcosa che hai fatto, molto interessante la faccenda
      Scusa ma per farti vedere i lavori devo farmi autorizzare dai miei superiori quindi per adesso non posso accontentarti posso solo dirti che lavoro con frese 0,2 mm a testa piatta, il fatto scalini vero ma facendo muovere la fresa con un margine di finitura dello 0,01 mm si vedono poco.
      Mi sto informando sull'utilizzo del 4 asse ma il ZCL-40 da me in possesso ha una morsa stringente troppo larga per il mio grezzo di partenza (cubetti da 1x1x1 cm) quindi devo ancora ragionarci.
      Mi dareste inoltre dei link su shop online di frese ?
      e anche di cera blu (la utilizzo per le prove) ?

      Grazie mille

      Comment


      • #4
        Non avevo pensato che nella maggior parte dei casi chi ha un Modela fa prototipi e quindi top secret
        Per i tuoi quesiti sinceramente non saprei risponderti.
        Purtroppo qui nel forum manca ancora l'Esperto degli incisori, un certo Giuseppe Ponzanetti uomo Roland che sembra che si nutre solo di frese.

        Giusto per farti capire che tipo sia, al corso che ho menzionato prima si parlava di una certa lavorazione particolare (non mi ricordo quale) con una particolare fresa e quando gli ho chiesto il codice, non ha pensato pi di 2 secondi e zac, sapeva anche quella.

        Per i codici, ripensandoci, potresti vedere sul catalogo delle macchine per incisione, e al fondo ci sono tutte le frese per il tipo di macchina. Forse anche sul sito Roland, ma devi spulciarlo a fondo

        Comment


        • #5
          Originalmente inviato da GPDesign Visualizza messaggio
          Non avevo pensato che nella maggior parte dei casi chi ha un Modela fa prototipi e quindi top secret
          Per i tuoi quesiti sinceramente non saprei risponderti.
          Purtroppo qui nel forum manca ancora l'Esperto degli incisori, un certo Giuseppe Ponzanetti uomo Roland che sembra che si nutre solo di frese.

          Giusto per farti capire che tipo sia, al corso che ho menzionato prima si parlava di una certa lavorazione particolare (non mi ricordo quale) con una particolare fresa e quando gli ho chiesto il codice, non ha pensato pi di 2 secondi e zac, sapeva anche quella.

          Per i codici, ripensandoci, potresti vedere sul catalogo delle macchine per incisione, e al fondo ci sono tutte le frese per il tipo di macchina. Forse anche sul sito Roland, ma devi spulciarlo a fondo
          Scusa ma questo Giuseppe Ponzanetti manca dal forum momentaneamente oppure non iscritto ?
          Perch uno come lui mi servirebbe eccome.
          Mio Dio che problema ste frese non avete idea, innanzitutto si spezzano come niente (sono 0,2 mm sfido io) poi sono difficilmente paragonabili tra le varie marche e questa Pokolm in italia non esiste e si dovrebbe comprare sul sito ma il modello mio non c'.............mamma che casino.
          Grazie mille comunque

          Comment


          • #6
            Fabio,

            chiamami luned e ti metto in contatto con Ponzanetti e vediamo di chiarire i dubbi.
            Nel frattempo, stiamo lavorando per creare una pagina di riferimento sull'area wiki, che ancora sperimentale.
            Vittorio Neri - Communication Mgr - Roland DG Mid Europe

            Comment


            • #7
              Ciao innanzi tutto, credo che la problematica dell'utensile sia un argomento di ampio interesse, e per questo motivo stiamo lavorando alla stesura di un manuale dell'incisore a pi ampio spettro sulla la wiki rolanddg.
              Per quanto riguarda la tua specifica domanda dobbiamo capire quali sono i materiali da lavorare e che tipo di risultato ti aspetti. Normalmente l'utensile piatto o normalmente detto a candela si usa per sgrossatura o per lavorazioni dove si necessita di realizzare una base a spigolo vivo. L'utensile sferico o pi correttamente il semisferico si usa per le finiture dove si necessita di una superficie levigata o di una base raggiata. Ovvimente queste indicazioni non sono una regola fissa ma una modalit consigliata. Poi occorre sapere che per ogni materiale, o lavorazione c' una classe di utensili consigliata, ed i parametri pi o meno si somigliano sempre. Alcuni esempi - Tipologia , forma , angolo di spoglia , Numero dei taglienti , Tipologia di metallo , materiale da lavorare etc. Nelle prossime puntate spero possiate trovare ulteriori informazioni. Per ora buon lavoro e continua a fare i test e a studiare ricordandoti che la incisione stata l'inizio della stampa Vedi incisione su wikipedia !

              Comment


              • #8
                Originalmente inviato da Sergio De Angelis Visualizza messaggio
                Ciao innanzi tutto, credo che la problematica dell'utensile sia un argomento di ampio interesse, e per questo motivo stiamo lavorando alla stesura di un manuale dell'incisore a pi ampio spettro sulla la wiki rolanddg.
                Per quanto riguarda la tua specifica domanda dobbiamo capire quali sono i materiali da lavorare e che tipo di risultato ti aspetti. Normalmente l'utensile piatto o normalmente detto a candela si usa per sgrossatura o per lavorazioni dove si necessita di realizzare una base a spigolo vivo. L'utensile sferico o pi correttamente il semisferico si usa per le finiture dove si necessita di una superficie levigata o di una base raggiata. Ovvimente queste indicazioni non sono una regola fissa ma una modalit consigliata. Poi occorre sapere che per ogni materiale, o lavorazione c' una classe di utensili consigliata, ed i parametri pi o meno si somigliano sempre. Alcuni esempi - Tipologia , forma , angolo di spoglia , Numero dei taglienti , Tipologia di metallo , materiale da lavorare etc. Nelle prossime puntate spero possiate trovare ulteriori informazioni. Per ora buon lavoro e continua a fare i test e a studiare ricordandoti che la incisione stata l'inizio della stampa Vedi incisione su wikipedia !
                Ciao il materiale che uso molto duro ma con la tipologia di frese della Pokolm vado bene, semmai si sforzano un p ma vado bene.
                L'antipatia sull'utilizzo di frese diverse per lo stesso lavoro che comunque devo ripetere le operazioni di centraggio ad ogni cambio di fresa, questo approssima il lavoro siccome molto piccolo ed il minimo decimo di mm perso potrebbe essere un errore.
                Di solito il lavoro di sbozzatura e finitura lo eseguo con una a candela ma sul sito della pokolm non c' il codice, come se non la facessero pi.
                Per capirci comunque sul loro catalogo c' ma nello shop online no.
                In pratica quelle che ho sono ottime ma non riesco a ricomprarle e cercavo aiuto sia per semmai trovare un alternativa sia semmai avere da voi dei consigli sulla strategia di lavoro.

                Grazie mille

                Comment

                Working...
                X