Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Stampa a caldo con punzone...

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • laura.real
    replied
    Originalmente inviato da Marina Visualizza messaggio
    Si, avevo inteso bene...memo o shokline per risolvere in fretta!!!
    Si, anche MEMO è un'azienda, sto guardando su internet!

    Leave a comment:


  • Guest's Avatar
    Guest replied
    la seconda sono sicura sia un'azienda di Termoli

    Leave a comment:


  • laura.real
    replied
    Originalmente inviato da Marina Visualizza messaggio
    Si, avevo inteso bene...memo o shokline per risolvere in fretta!!!
    Sono due prodotti o due marche?

    Leave a comment:


  • Marina
    replied
    Si, avevo inteso bene...memo o shokline per risolvere in fretta!!!

    Leave a comment:


  • GPDesign
    replied
    Originalmente inviato da laura.real Visualizza messaggio
    Mi spiego meglio:
    in realtà per punzone intendo un clichè, una forma (es. un logo) che viene segnato sulla carta attraverso l'uso di una pressa (a caldo). Il colore viene determinato da una lamina (es. dorata oppure rosso specchio).
    Io non l'ho mai visto fare ma il serigrafo a qui mi sono rivolta per chiedere un consiglio mi ha parlato di questo procedimento.
    Nel mio caso in effetti non devo realizzare un bassorilievo del logo ma semplicemente "timbrare" il logo stesso sulla carta...
    Un mio cliente ha una pressa del genere, che ha recuperato dal fallimento della ditta che ha rilevato e con la quale ho collaborato anni fa, e ho visto come facevano. La usavano per impressionare un logo, fatto con un clichè, del colore del nastrino che avevano sotto (in quel caso dorato).
    Noi con un egx fare il clichè non dovrebbe essere un problema.
    Infatti sto cercando di farmela dare, tanto non la usano più.

    Leave a comment:


  • greenfax
    replied
    non proprio, pressa, foglio siliconico, panno antiaderente, transfer stampato laser speculare per copertine tesi (rilascio toner), supporto pelle / cartoncino (non troppo operato), foglia oro/argento / bronzo, il gioco è fatto

    Leave a comment:


  • laura.real
    replied
    "...stampa su nero speculare sul transfer, trasferimento del nero (che sul cartoncino ovviamente NON si vedeva) e poi trasferimento dell'oro... sembravano carini..."

    Utilizzando un transfert a specchio, es. argento, oro oppure rosso, penso che il procedimento di cui parli potrebbe essere quello giusto.
    Quindi gli elementi sono: la pressa, il transfer intagliato dal plotter ed il supporto, è così?

    Leave a comment:


  • MarcoGalliService
    replied
    Originalmente inviato da laura.real Visualizza messaggio
    CUT

    Nel mio caso in effetti non devo realizzare un bassorilievo del logo ma semplicemente "timbrare" il logo stesso sulla carta...
    Io Laura ho la pressa e faccio le tesi su similpelle...

    Ti dirò che però una volta per un amico (solo per lui perchè era una cosa speciale) ho fatto degli inviti, stampando oro su dei cartoncini neri. I cartoncini erano di carta non patinata, molto porosa, ho usato lo stesso procedimento che uso di solito con le tesi, stampa su nero speculare sul transfer, trasferimento del nero (che sul cartoncino ovviamente NON si vedeva) e poi trasferimento dell'oro... sembravano carini, ma non ho idea se si riesce a fare la stessa cosa, prima bisogna provare. E il problema è che vuoi l'effetto specchio, non so se esistono finiture a specchio oppure se l'argento da gia questo genere di aspetto finale quando si usa una superficie ampia. Io l'ho sempre visto solo su scritte...

    Leave a comment:


  • laura.real
    replied
    Mi spiego meglio:
    in realtà per punzone intendo un clichè, una forma (es. un logo) che viene segnato sulla carta attraverso l'uso di una pressa (a caldo). Il colore viene determinato da una lamina (es. dorata oppure rosso specchio).
    Io non l'ho mai visto fare ma il serigrafo a qui mi sono rivolta per chiedere un consiglio mi ha parlato di questo procedimento.
    Nel mio caso in effetti non devo realizzare un bassorilievo del logo ma semplicemente "timbrare" il logo stesso sulla carta...

    Leave a comment:


  • Marina
    replied
    Ciao,
    l'unica cosa che mi viene in mente è un termotrasferibile che è anche per la similpelle (tipo copertine tesi).
    E' un materiale che ho visto da schockline, l'ho provato anche, ma a mio avviso è un pò macchinoso ...

    Marina S.

    Leave a comment:


  • MarcoGalliService
    replied
    La stampa a secco a volte è semplice stampa a secco... a volte viene aggiunta poi la stampa a caldo per dare l'effetto voluto (a specchio, lucido, opaco) nella parte che viene portata in basso o alto rilievo. Deve essere creata una specie di fustella che però non taglia, ma alza solo la parte interessata.

    Leave a comment:


  • Franz
    replied
    il punzone è per fare una specie di bassorilievo...e per quanto ne so si chiama stampa a secco...non ho idea di come possa esserti utile quell'immagine stampata a specchio...

    Leave a comment:


  • tosca_052007
    replied
    Da quello che scrivi...non capisco l'uso del punzone...visto che il punzone, che io sappia si usa per incidere a caldo sulla pelle. Poi se riesci meglio a chiarirmi le idee magari ti posso dare qualche consiglio...

    Leave a comment:


  • laura.real
    started a topic Stampa a caldo con punzone...

    Stampa a caldo con punzone...

    Ciao gente,
    mi hanno consigliato di rifinire delle copertine per un ristorante con una stampa a caldo con punzone.
    Qualcuno di voi fa questo genere di lavorazioni?
    In pratica ho questo disegno su pellicola rossa brillante ad effetto specchio, che dovrebbe essere trasferito a caldo su cartoncino opaco.
    La procedura è simile a quella del termotrasferibile...
    Aspetto risposte.
    Buona serata
Working...
X